Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Gio, Giu
0 New Articles

Abbiamo 151 visitatori online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci CT Parner
Annunci AdSense
Home 1
Annunci CT Partner
article-top
Annunci AdSense
art-top

La decadenza dell'anima e il trasporto dell’immagine

La decadenza dell'anima e il trasporto dell’immagine

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il concetto di semplicita’ ci riconduce inevitabilmente a un’imnagine di vita frugale  che confligge con la dimensione urbanizzata dell’uomo e dell’idea di civilta’ piu’ evoluta.

Monet, donna con ombrello
Monet, donna con ombrello


Con l’avanzare del progresso anche gli archetipi subiscono sul piano immaginifico un cambiamento che li porta ad attualizzare il linguaggio dell’arcano imprimendovi i contorni di una moderna complessita’. Il bosco, la notte rispolverano le loro intrinseche insidie slittandole sul piano semantico e piegandole a una quotidianita’ implementata da questioni sociali altamente condizionanti e dalle quali l’uomo si lascia invischiare e sedurre. La rosa ancestrale di simboli conquista altri referenti e trova sfogo nell’incompiuto attraverso gli espedienti estetici. L’arte acquisisce quindi quella totalita’ espressiva che la porta a immortalare anche gli aspetti gravi e inquietanti dell'anima, riflettendoli come uno specchio. Se è compito della fotografia emergente nella seconda meta’ dell'Ottocento convogliate nella dimensione sociale i connotati appetibili della dimensione umana, imponendosi per la sua franca immdiatezza, l’arte, e in particolare la ritrattistica, e’ il risultato di un dialogo taciuto tra l’artista che vi imprime la sua visione del mondo e i tratti in ombra (o al contrario esaltati nella luce) propri del soggetto rappresentato.

Ciascuno la sua notte
Ciascuno la sua notte

La pittura novecentesca non e’ piu’ fedele riproduzione della realta’ ma impressione ammaliatrice di raptus cognitivi in cui l’intuizione guida la mano sensibile. Il divario tra essere e apparire sfonda il sipario delle camuffate rappresentazioni per divenire in letteratura inquietante scacchiera in cui l'io sociale calpesta gli orridi e refrattari aspetti della psiche. Il doppio e’ una componente non solo dell’ironia cavalcata dalla commedia satirica sull’insorgente borghesia capitalista, ma diviene nelle sue pennellate piu’ tragiche espressione di un’ambigua bivalenza che si accentua nelle trame dei romanzi, spogliado l’anima dei protagonisti e risolvendosi nella morte.

L'esperienza didattico formativa dei soggetti narrati nei romanzi basati sulla struggente dicotomia appena accennata, approfondisce  i solchi della coscienza che sprofonda in turbinose esperienze, portando il lettore oltre i confini del giudizio, a interrogarsi sui piani della coscienza.

Il ritratto di Dorian Gray
Il ritratto di Dorian Gray

Il ritratto di Dorian Gray di O.Wilde e Ciascuno la sua notte di J.Green, seppur ascrivibili a periodi diversi, innescano altre problematiche sul nodo irrisolto della bivalenza societa’ interiorita’. La penna artistica di Wilde viene sorpassata dal taglio moralistico e religioso del secondo romanzo in cui il tema dell’omosessualita’ consente l'accesso ad esperienze che mortificano l’anima fino a sacrificarne l’esistenza. L’arte sopravvive alla vita  e’ invece il messaggio finale lanciato da Wilde nel suo romanzo  in cui l'autore sembra smembrarsi in ciascun personaggio per dar voce all'Estetismo di fine Ottocento. Il ritratto cattura l’anima eternandola attraverso la metafora della giovinezza e l’autore impersonato da Dorian riattualizza il mito  di Narciso, infondendogli nuove chiavi di interpretazione estrapolate dall’intricato quanto affascinante mondo della psicanalisi da poco introdotto ed esplorato.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot
Annunci CT Partner
article-botton

__ Seguici anche su Facebook __

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
home 2
Ti potrebbero interessare anche:
home 2
Annunci AdSense
home 2
Annuci CT Partner