Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Mar, Nov
0 New Articles

Abbiamo 73 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Il riflesso e l'Impero degli Dei

John William Waterhouse, Marianna al Sud

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Bellezza spesso indossa i panni del compiacimento e dell'autocompiacimento.

Mariana nel sud, olio su tela di John William Waterhouse (1849-1917, Italy)
Mariana nel sud, olio su tela di John William Waterhouse (1849-1917, Italy)



Con l'evoluzione dell’uomo nella sfera sociale, la Bellezza si è lasciata guidare da bisogni che non sono propriamente creativi ed artistici. L'arte è compagna del Vero, espressione di un'interiorita’ che non teme di mettersi a nudo. La Bellezza che si allontana dall'arte ha bisogno di dimostrazione per esistere. È  quanto è accaduto nella moda a mano a mano che il tessuto dei rapporti sociali ha preso il sopravvento sul filo cosmico che rapporta l'uomo a Dio.


Nelle antiche civiltà teocratiche impostate sul ruolo accentrativo  del simbolo, i rapporti verticali e quelli orizzontali convergevano verso un punto centrale che stabiliva l'orientamento verso il Cosmo e Dio. Su tali basi l’occhio solare era nella cultura egizia e non solo, il culmine e l’origine del cammino di tutte le cose, nonché la porta di accesso alla dimensione cosmica. Questa convinzione era sottolineata da un trucco che evidenziava non tanto lo sguardo, quanto l’occhio in se’ ritenuto centro di potere e poi, di inviolabile potenza.

Il compiacimento di chi occupa ruoli egemonici si esprime attraverso l’idea di consenso che a sua volta provoca il principio condizionato dell’autocompiacimento. Ossia,  piaccio se raccolgo consensi che, a loro volta, producono popolarita’. In passato l'abbigliamento era un canale molto valido per la trasmissione di messaggi precisi e inconfutabili attraverso cui mantenere l’ordine terreno.Poiché la terra era considerata riflesso dello spazio cosmico,  il passaggio tra l'ordine della terra a quello cosmico era inevitabile e ciò consolidava il potere teocratico di chi era in vetta alla piramide sociale. La Bellezza nelle antiche civilta’ esprimeva ordine divino e stabilità. Nel tempo si è rivelata disposta a macchiarsi col rapido imbarbarimento dei valori insiti nell’uomo. Ed è così che lo specchio cadendo, si è infranto mandando in frantumi la specularita’ tra ordine orizzontale materico e ordine cosmico trascendentale. La Bellezza è divenuta quindi svuotamento del Se’, realizzandosi nelle imperfezioni e inzozzandosi di volgarita’. Conseguentemente, il fattore di potenza è stato sostituito dall’ostentazione del  potere che dimentica la propria ispirazione divina, finendo con l’esprimere l’autorita’ dell’uomo nel regime orizzontale.
 
Il passaggio successivo e’ stato l’evidente subordinazione della Bellezza e dei suoi nobili criteri di identificazione alle regole del mondo,  con la conseguente formulazione del vincolo sono bello se piaccio. Con tale risultato,  l'umanità si e’ spogliata dei suoi pregi e delle sue virtù, squalificandosi nei vizi.

La Bellezza da allora non è più libera. Lo sguardo non registra più gli sconfinati spazi di un Dio agente che adopera con disinvoltura l'estro della propria genialita’. Essa esprime la volonta’ di apparire uniformandosi alle regole imposte da una societa’ che arranca tra flutti  tumultuosi,  senza  che trovi un approdo all'infuori di se’ e  stabilita’ nel cuore di se stessa.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot