Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Dic
0 New Articles

Abbiamo 106 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Il tempo di restare

Il tempo di restare

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Non si e’mai soli in primavera. Cosa ce lo fa pensare?

John William Waterhouse - Gather ye rosebuds while ye may (1909)
John William Waterhouse - Gather ye rosebuds while ye may


La primavera e’ la stagione dell’amore, dei fiori e dei profumi che s’ imprimono al tatto e che il vento non porta via. E’ il tempo di cio’ che rimane, flessibile agli occhi che non si accontentano del diffuso chiarore e si lasciano condurre oltre per scendere in profondita’. Se il vento d’autunno discosta l’attenzione, spirando tra i rami stanchi di trattenere le foglie, la primavera e’ il passaggio tra cio’ che ci incanta e non conserveremo mai a cio’ che invece ritroviamo perseverantemente dentro di noi. La primavera non e’ una stagione ma la vita in se’ che scorre e ci porge l’antico nel presente. E’ il ritorno di chi non se n’e’ mai andato e ha asceso le sfoglie del cielo per sedersi in braccio al nostro cuore. A primavera matura noi rinveniamo il senso di chi siamo in rapporto a chi abbiamo a fianco e ritroviamo dentro di noi in ogni istante.

Maggio è un sogno interminabile dal quale non vorremmo riaverci mai per non smarrire il tesoro che coltiviamo da sempre. I colori ritingono i paesaggi come le rose i rovi, doni bellissimi che colmano la vista e ci riempiono di senso.
 
È un treno la primavera, che trasporta lontano i ricordi. Noi siamo i vagoni che  fischiano la promessa di un convinto restare, mentre i prati già tendono a indorarsi. Sul finire di maggio ci destiamo per riscoprire che la vita non e’ solitudine ma danza con chi si china a baciarci e a ricordarci che all’orizzonte, sempre piu’ oltre gli strilli della sera, ci siamo noi, non anime abbattute,bensì  animate di sorrisi sorretti da legami che si frastaglieranno nella luce estiva senza tramontare, senza sfiatare in un doloroso addio.

Non c’e’ stagione più bella di quella dell'amore, del nostro essere qui come una stella caduta dal l'infinito cuore del cielo da cui discendiamo e dal quale da sempre ripartiamo come anelli inseparabili.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
article-botton-ads-fsp-art-002