Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mar, Dic
0 New Articles

Abbiamo 104 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

il viaggio come comprensione

il viaggio come comprensione

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

È un'illusione ritenere il viaggio una condizione di transito verso il compiuto. il viaggio è una forma di essere che santifica ristabilendo armonia tra le singole parti che compongono l’interiorita’. 

Kenne Grégoire (1951-) - Intimacy (2011)
Kenne Grégoire (1951-) - Intimacy (2011)

 

Non si viaggia per cercare, ma per trovare e si trova nel momento in cui si raggiunge una condizione di pace, perché allora si è in equilibrio, riconosciuto di avere tutto in se stessi. Trovare quindi, corrisponde a ritrovarsi. Allora ci si coglie come un bouquet che assembli tutti i colori e i profumi e le tonalità dell'anima, riconoscendone il timbro di ciascuno e del tutto.

Si viaggia per rispettare se stessi, per una forma di conquista e apertura tramite la quale mettersi in gioco includendo gli altri. La gente comune viaggia per sentirsi appagata da cio’che non ha. Per permettersi la realizzazione di un sogno che assume i contorni di una lussuosa e sfrenata agiatezza. Cio’ e’ rassicurante quanto possano essere per un ricco i confort. Basta una pausa che il vuoto assale,  facendo precipitare l'anima con un volo in picchiata. Per tale ragione si teme la  pausa, la si evita, preferendo accelerare i ritmi dell’avventura chiamata vita che elude i contatti profondi con gli altri. Ma e’ proprio attraverso lo scambio pulsante che la vita realizza se stessa compiendosi.

Non puo’ esserci viaggio se non nella reciproca comprensione atteaverso cui si esprime l’amore. E in questo caso accade che il viaggio sia una fioritura continua resa fertile dall’incontro con gli altri che schiude nuove frontiere di pace. Un viaggio senza amore svuota, divenendo effigie di una vita inscatolata nell’aridita’. Solo l’amore matura frutti e schiude le porte della gioia che a differenza della felicita’ perdura oltre gli attimi nutrendosi non di gesti estremi, ma di quella rassicurante condizione di pace in cui attingiamo offrendoci, come suggerisce la parola stessa “comprensione”.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
article-botton-ads-fsp-art-002