Fragilita' e evoluzione del dolore nell'opera di Hughes
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Fragilita' e evoluzione del dolore nell'opera di Hughes

Fragilita' e evoluzione del dolore nell'opera di Hughes

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Non c'è  nulla di tuo che non si addica a me. Anche ciò  che  trafigge. Siamo luce ed ombra che s'incastrano. Siamo due principi che si toccano. Nel principio c'è tutto.

Arthur Hughes - A Passing Cloud
Arthur Hughes - A Passing Cloud

 

La Bellezza ha il fine ultimo di portare l'uomo a guardarsi dentro per cogliere se stesso e ritrovarsi in sé e nel mondo.

Mi trasformo in te ogni volta che ti penso.

I ricordi sono come le foglie cadute. Si accumulano in un punto che loro sanno. La rabbia e il dolore svaniscono e subentra la comprensione. Non c'è nulla di tuo che non si addica a me. Anche ciò che trafigge. Siamo luce ed ombra che s'incastrano.

È questo che determina il dolore, quando si libera delle sue scorie, lasciando spazio a cose nuove. La comprensione allora si fa presenza come un angelo liberatorio che colma l'anima e il tempio della mente con la sua gloriosa forza. E subentra la calma della sera.

La comprensione è traduzione e interpretazione della trama, ma anche esperienza del cuore che si allarga e allaga l'impurità egoistica che porta a soffermarsi sulla propria angoscia.

Le scorie della vulnerabilità sono foglie che cadono in quell'angolo, dove resta il corpo a riflettere sul vuoto presente. L'impossibilità e l'angoscia si fanno comprensione e poi compassione per il proprio stato guardato a distanza, mentre il corpo si piega come un tronco vessato dalle intemperie e si appoggia sul piano sacro della casa: spesso il camino dove danza il fuoco. Il camino diviene allora il confessionale dove le colpe si mescolano alle illusioni espresse e taciute, o anche l'altare della rinascita. Il camino è luogo di scricchiolio liberatorio che lava la coscienza , squarciando i veli a ogni nudità. È così che appaiono le cose, pietrificate nella luce di una rinnovata bellezza che scavalca la fragilità di chi soffre, svuotando e colmando prima di rabbia e sgomento, poi della pace conseguente alla comprensione.

Il camino è il luogo della trasformazione che piega la terra col fuoco, liberandola in aria. Bruciano le intenzioni che non ci appartengono e resta il nudo legno spesso raccolto su se stesso, accartocciato come una chiocciola che, esalato l'ultimo spasmodico dolore, si svolgerà in una nuova vita. Della sofferenza è simbiotico richiamo il ceppo rimasto come in questo dipinto. Lo specchio troppo in alto, la finestra aperta e il tizzone immaginabile ripiegato nel camino, sono fasi della stessa transizione che si compie nella donna contratta nel suo dolore. Il cane è lo spettatore che cerca di penetrare la sensibilità della donna che diviene il fulcro del suo orientamento.

La comprensione guarda oltre e vede se stessa attraverso il ceppo, divenendo compassione come se lei stesse assistendo a una scena che si consuma nella stanza. La finestra è il completamento del fuoco che ha esalato il suo respiro nella sua casa spenta a cui fa da contraltare la finestra da cui escono le emozioni tristi e attraverso cui si affaccia il respiro di vita nuova con il riquadro degli alberi nel cielo pulito che avanza nel mutamento espresso dalle tonalità dipinte.

L'evoluzione esterna è rappresentazione di un'interiorità accennata nella sua forza. È il corpo a imprimersi, a spaventare in quanto voce dei tranelli interiori che tra l'Ottocento e il Novecento come vediamo ad esempio nei romanzi del bifrontismo (Il dottor Jekyll e Mister Hyde per citarne uno tra i più famosi), ogni contrapposizione si consuma non solo nell'individuo stesso, ma all'interno di una stanza o di un ritaglio di essa che porta l'anima a camuffarsi e poi a rivelarsi. Finestre chiuse e finestre aperte parlano di misteri e segreti che coinvolgono nelle insidiose trame lettori e spettatori richiamati dall'esasperazione di un dissidio a cui nessuno è esente e che traccia vie dolorose per le strade e le case dell'Europa del tempo.

Leggi le poesia: Respiriamo anime e Brividi

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001