L'uomo di oggi e l'alienazione dalla Natura
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'uomo di oggi e l'alienazione dalla Natura

L'uomo di oggi e l'alienazione dalla Natura

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Vorrei che i nostri Governanti capissero che la vita non è fatta di doveri e di obblighi ma innanzitutto della soddisfazione dell'anima, che è una necessità sacra. Siamo fatti di Cielo prima che di terra.

L'uomo di oggi e l'alienazione dalla Natura
L'uomo di oggi e l'alienazione dalla Natura

 

La Natura è la vera libertà e oggi si fa di tutto per annientarla e arginarla. L'uomo è stato concepito per vivere secondo natura che è diversificazione nella libertà. Invece oggi, tutto è contratto nello spazio e nel tempo. Ogni cosa viene deformata e concepita allo scopo di essere compressa nel monitor o in un programma virtuale. Esistono le finestre che tu tasti e ti immettono in nuove realtà sempre virtuali che fanno sentire ciò che manca come qualcosa di superfluo che va superato dalla tecnologica modernità.

La Natura si erge su legami che non sono vincoli, ma associazioni empatiche che oggi vengono scardinate al fine di creare narrazioni con un senso cerebrale che non poggia sulle basi di alcunché.

Si può spaziare nel tempo di un nulla da un'immagine romantica a un nudo libidinoso e in vendita, rendendo opaca la differenziazione morale alla base di un sano vivere. Come se fossimo vegetali e cercassimo nell'animale da compagnia quel lato solidale anche forzato a volte, per sopperire alle necessità dell'anima.

Orsù ditemi, si può ancora chiamare vita questo stato di non appartenenza indotta? Non è forse una forma di vegetazione aliena ai nostri mondi ?

È giusto sacrificare la propria libertà in nome di un vincolo fittizio e subdolo che passa per salvezza di quel caso sporadico di contagiato da Covod in fin di vita ma sano all'origine?

Dove finisce la libertà del singolo, muore l'Etica.

Leggi la poesia: Distanza e lontananza e Giorni e giorni

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001