Gli antichi simboli e la Via
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Gli antichi simboli e la Via

Gli antichi simboli e la Via

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sulla razionalizzazione della fede si fonda il secolarismo abbracciato dall'attuale papa.

Simbolo del Sacro Cuore
Simbolo del Sacro Cuore

 

Stiamo umanizzando Dio con gli attributi finiti, umani e tendiamo a rendendo l'uomo una macchina cibernetica che sappia incamerare soltanto dati, al di là di ogni visione critica ed etica. Quest'epoca dominata da cataclismi causati dall'uomo, malattie e attentati terroristici segue il corso della metamorfosi sul piano dell'irrazionalità voluta dai nostri strateghi anche a capo della Chiesa. L'irrazionale che dilaga è la rappresentazione storica del Demonio che razzia tutto e non lascia niente. Subentrerà un avatar forse, un nuovo Maestro spirituale, a risistemare l'ordine ma a quale prezzo? O forse in un pianeta reso ormai inabitabile dall'uomo guiderà noi in linea con la Tradizione verso nuove patrie disperse nell'Universo? È certo che la rabbia domina oggi anche la Natura che si scaraventa contro l'uomo attraverso reazioni ingovernabili.

Dove stiamo andando? Vorrei che qualcuno se lo chiedesse.

E al prezzo di chi?

Ormai non è più il caso di avanzare probabili distinzioni geografico spaziali. A pagarne le conseguenze saranno i nostri figli, uomini di domani che, a causa di una finta Chiesa e di principi sradicati da tutto, dovranno reinventarsi. L'uomo odierno ha messo mano agli archetipi, insidiando la sacralità innata e scaraventando in un buio etico senza domani la nostra generazione e quelle che verranno. È questo quanto sta accadendo in un testacoda che vede il bene nutrire il male che a sua volta si ciba del bene. Stiamo allevando le serpi in seno alla nostra spiritualità, allontanando i simboli sacri che conoscono la via. Gli unici che possano indicarcela. Abbiamo sostituito l'evocazione immaginifica del reale con l'indicazione razionale. Abbiamo conosciuto tanto, troppo, ma nulla è in noi rimasto. Forse perché s'impara soltanto ciò che è di servizio alla salvezza. Al di là dei nozionismi vari, proprio del necessario abbiamo imparato a fare a meno, avviandoci alla distruzione.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001