La Bellezza come potenza liberatoria
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La Bellezza come potenza liberatoria

La Bellezza come potenza liberatoria

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La gratitudine è parte integrante dell'amore, se non il suo gioiello nascosto, che come una perla matura nonostante il dolore. La gratitudine è ciò che si forma nella profondità senza peso che si palesa come leggerezza.

La Deposizione di Cristo (Caravaggio)
La Deposizione di Cristo (Caravaggio)

 
Il dolore è parte integrante della vita ma ciò che conserviamo nei secoli è quella leggerezza liberatoria che consente di traghettarci ovunque e che attraverso le opere d'arte di ogni tempo, respiriamo. I pittori del passato avevano chiaro dentro di sé il senso della memoria senza strascichi epocali. Trasmettevano il succo dell'epoca che si rivela nel richiamo a una dimensione superiore, ferma nel tempo, che noi contempliamo attraverso l'estetica delle opere. Estetica è anche dimorare nelle cose nonostante finiscano, perché questa materia o alta disciplina consente di cogliere l'essenza e l'essere di un'epoca attraverso la bellezza che è proprio l'inviolabile.

Se la bellezza è fuggevole in quanto legata alla dimensione transeunte del tempo, l'Estetica consente di entrare nell'eterno attraverso le forme e il loro manifestarsi propriamente umano e per umano intendo ciò che è  strettamente connesso al piano divino.

La bellezza è il sale del ricordo che purifica l'anima ed è quanto visitiamo in ogni esperienza trascorsa, con lo sguardo della maturità. L'Estetica insegna ed educa a guardare tramite l'osservarsi. Lo sguardo della maturità estrae dall'esperienza quel senso bello che nutre e seda l'anima, consentendole di andare oltre.

Anche nell'assenza di Dio possiamo cogliere la Bellezza. Avviene contemplando le opere del Caravaggio. La luce risalta ma è congiunta alla dimensione delle tenebre. È non esaltazione ma sguardo dal di dentro posto sul mondo che appare illeggibile nei contrasti di sentimenti forti che sono proprio scene dall'aspetto teatrale, catturate e immortalate nel grande scenario della vita. Eppure, anch'esso, il mondo, è governato da una dimensione che ci spinge fino all'interno di quel tripudio di stati toccanti che afferrano lo sguardo e quindi sono assoluti. E lì, nella profondità bruciante di rabbia e stati violenti, l'opera trova un senso, proprio scendendo e toccando nel profondo quegli spasmi di dolore e di atrocità selvaggia dove incontra l'essere e il senso di tutto. C'è brutalità addomesticata dalla mano sapiente del pittore nelle opere del Caravaggio, ma altresì e in questo la potenza universale dei suoi lavori, la padronanza di riuscire a scendere e cogliere nella profondità di tutto l'origine a cui l'osservatore conferisce il titolo di Assoluto. Dio non c'è perché è, fa dire il Caravaggio. È nella gola mozzata, è nel Cristo delirante durante la flagellazione, è tra coloro che giocano a carte e di umano hanno vizi e accanimento. È nella bellezza che oltre il truce si mostra attraversando l'uomo e congiungendolo a Dio.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001