L'infinito e noi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'infinito e noi

L'infinito e noi

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In questo tempo fuori dal tempo tutto è possibile come ad esempio sentire una carezza di quella mano che aspetti sul viso, oppure entrare in quella casa dove non sei più da tempo.

Francesco Hayez, Odalisca sdraiata
Francesco Hayez, Odalisca sdraiata

 

Che succede? Stiamo davvero abbandonando il conosciuto, la terra che ci ha visti nascere e maturare per millenni e generazioni? Per dove ci stiamo inoltrando? Sarà forse come dicono questo sovraccarico di elettromagnetismo a sfasare le nostre percezioni spaziotemporali? O forse, siamo tutti in cammino verso il centro della galassia dove verremo risucchiati dal grande buco nero che c'immetterà in un altro mondo? E di questo che ne sarà? Forse il mondo che ci sorprenderà è la vera realtà, mentre questa non è che un grande sogno collettivo in cui ognuno non è che un'immagine distorta del Dio che impareremo a conoscere nel mondo verso cui andiamo. La famosa terra promessa oltre il deserto che in questi giorni stiamo attraversando con l'aridità di una vita funestata da tempeste di noia e di morte. Anche il deserto ha il suo diluvio di onde che si levano sommergendo tutto con dune di sabbia in spostamento. Anche il deserto è sale incrostato come le valli e le superfici del mare che lo contengono e lo espandono.

Al di fuori dei recinti in cui viviamo ingabbiati da sempre e in questo momento storico preciso, prenderemo coscienza e riusciremo ad assaporare ciò per cui esistiamo e che non riusciamo a vedere perché anche vedere significa cogliere ciò che si può entro i margini. Le ampiezze delle montagne e degli infiniti di cielo e oceano non sono che metafore attraverso cui ci arriva il riverbero di ciò che ci aspetta, perché l'infinito, quello vero, si trova sempre più in là di poco e di tanto rispetto al luogo in cui siamo.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.