La mia casa e un gatto sul tetto
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La mia casa e un gatto sul tetto

La mia casa e un gatto sul tetto

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Di questi tempi più che negli ultimi anni ritorna no a sorprendermi i ricordi di quando ero ragazzina.

Rudolf Epp - Mother And Child Feeding Cats
Rudolf Epp - Mother And Child Feeding Cats

 

Riassapiro, come se fossero qui al momento, gli odori che la mia attuale dimora, l'allora casa delle vacanze estive e invernali, impregnavano le mie giornate. L'odore nuovo di pittura fresca si mescolava a quello natalizio degli agrumi creando un ambiente magico fuori dal tempo che conosceva solo lo scandire dell'anima e della tua presenza, gioia e mistero. La mia casa allora non era ammobiliata come lo è oggi. Negli interni c'era solo l'essenziale. Il corridoio spoglio ancora immacolato non aveva quadri e appariva lunghissimo e popolato di ombre che appartenevano alla tua sfuggenza e tu tra esse giocavi con i miei sentimenti a nascondino. Ricordo tutto adesso, perché più passano gli anni e più si vivacizzano i ricordi . Soprattutto in quest'epoca di grande confusione in cui le coordinate di spazio e tempo tendono a sconfinare in un vuoto senza nome, i ricordi ci legano alla nostra essenza fortemente minata da uno stile di vita sempre più solitario e al contempo incentrato sul virtuale. Non mi rassegno a perdere me stessa e forse anche per questo vado legandomi sempre più ai gatti.

I gatti rappresentano la nostra intimità più atavica e quindi indomita. Discrezione e coscienza degli esterni si bilanciano con l'amore per lo spazio domestico dove essi ritrovano se stessi e la propria serenità. Dovremmo osservare di più i gatti e imparare da loro in questo tempo più che mai, per conservarci e lasciare ovunque impronte come nuvole al nostro passaggio silenzioso che risponde all'anima. C'è fin troppo frastuono in questo silenzio artificiale che è caduto sulle vite di tutti. Un frastuono distrattivo che ci allontana da chi siamo e che un giorno mai più saremo per colpa di chi ci schiavizza lasciandoci come unico sfogo la tecnologia perpetrata nei rapporti.

I gatti sono soli ma ogni gatto racconta la propria specie. Ogni gatto è una comunità estesa perché forte è la traccia di un'identità che al di là di indole e carattere loro conservano bene. Il gatto ha il silenzio delle nuvole e il calore di ciò che ancora identifichiamo come casa nel nostro immaginario archetipico e fiabesco. Cos'altro potrebbe essere la notte se non un gatto che passeggia ovattosamente sul tetto, sotto un ritaglio di cielo con la lunetta e tre splendide stelle? In una corrispondenza intima di comprensione e di volti sognanti?

Cos'è per me la poesia? Un gatto sul davanzale mentre fuori la neve cade.

Cosa potrebbe essere nelle nostre fantasie l'inverno se non un ambiente rustico, reso caldo e accogliente da un camino scoppiettante, una dondola con una vecchia coperta e su di esse un gatto che sogna?

Ogni vita è una catena di storie dormienti che noi raccontiamo a noi stessi e agli altri sotto forma di fantasie. Ogni vita è il suo viaggio interiore tra tante storie non apertamente vissute ed esperienze accennate, in letargo sotto strati interiori. Ancora possiamo dire che la vita è questo. Fatta di poco e di tutto. Ancora possiamo ma... per quanto ancora?

E allora eccoci arrivare in soccorso il gatto, felino domestico e selvaggio, icona antica del mistero del firmamento e assoluta fede e certezza nel cielo che nella fierezza del leone ci comunica che siamo ancora uomini e dei immortali che guardano verso l'eterna casa, il cielo dall'alto delle sfingi. E che la porta del sole che reca inciso da sempre il segno del leone e il sigillo del Cristo salvatore è lì lì per aprirsi e trasferirci, con la nostra umanità sull'orlo dell'estinzione, nella nostra nuova casa, una stella o un pianeta. Qualunque essa sia, una tegola dell'Universo.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.