La solitudine e l'esperienza della luce
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La solitudine e l'esperienza della luce

La solitudine e l'esperienza della luce

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il sole è solo come ci suggerisce la radice etimologica del nome. Splende alto nella volta del cielo ricordandoci che non sempre chi è solo è destinato a vivere nell'ombra intesa come qualcosa di negativo.

Corot Jean Baptiste Camille il pastorello, 1840
Corot Jean Baptiste Camille il pastorello, 1840

 

La solitudine è spesso una scelta del destino che consente di brillare e di emergere dalla nullità della folla. Il solitario è in compagnia della propria anima. È il mistico che si coniuga all'azzurrità dell'Infinito. Il solitario sul monte o nel deserto è dentro di sé, congiunto al sé e pertanto, padrone di se stesso. È Gesù che incontra il Cristo, l'impronta del proprio destino nel deserto e sconfigge l'avversario. I quaranta giorni di Gesù nel deserto sono un assaggio profetico e dialettico di quanto accadrà poi, con l'esperienza della crocifissione e resurrezione. L'esperienza della solitudine tra i monti è di Zarathustra che si eleva nell'opera di Nietzsche quale Maestro, sulle banalità e nefandezze umane e finisce col congiungersi al suo Dio, l'Ahura Mazda, che è dentro di lui. Zarathustra diventa il tramite, il varco difficile che solo i vedenti del mondo riconoscono tra le nebbie della cecità moderna, e percorrono. Zarathustra o Zoroastro esprime la scia luminosa che si stende nel cielo al passaggio della Cometa. In un mondo che continua a uccidere Dio, annientando ogni forma di sacralità e sospendendo la luce nell'uomo attraverso lo spegnimento di ogni luogo di confronto con l'arte e la cultura, L'astro splendente : Zoroastro o il Cammello dorato: Zarathustra indicano la via che ci riporta a noi stessi e accompagna la nascita del Salvatore del mondo. Di Colui che incarnerà la via, la verità e la vita.

Leggi la poesia: Sotto la volta dell'intimita'

 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.