L'incontro e' una visita
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'incontro e' una visita

images/stories/lafinestrasullospirito/1-news/1-articoli/2020-2/charles-joseph-grips--a-woman-preparing-vegetables.jpg

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il tempo è un'illusione messa in bilico dall'evanescenza delle stagioni che oggi soprattutto, a causa anche dell'inquinamento, non seguono più il loro naturale corso che dovrebbe portarle a manifestarsi appieno.

Charles Joseph Grips- A woman preparing vegetables
Charles Joseph Grips- A woman preparing vegetables

 

Tradiscono e subito dopo inducono a brillare e sembra quasi che seguano l'umore della gente ormai instabile in tutto. Poi c'è il tempo degli incontri che fa un clamoroso rumore dentro di noi e rompe e irrompe nella vita di ogni giorno, regalandoci qualcosa, non solo emozioni.

Ci sono incontri lieti e altri meno. Incontri che noi accogliamo e altri che ci sfuggono per distrazione o incomprensione. L'intelligenza del cuore spesso è messa a tacere dalla routine o dall'attività lavorativa che ci cala in tutto nella dimensione razionale. Ma a chi è centrato in se stesso, gli incontri sono visite che ci portano doni, anche solo una presenza. Sono l'esperienza che noi facciamo e che ci risveglia dal torpore dell'anima. Gli incontri avvengono e sono un mistero che si rivela dinanzi a noi, ma sta a noi proteggerli come un dono estremamente prezioso o un avviso di porsi sul chivalà senza traumi o apprensione perché sappiamo che c'è chi ci guida e non ci lascia mai soli. La visita di un qualcosa di brutto, oltreché assumere le sembianze di una grigia premonizione, serve a richiamare dal di dentro la consapevolezza forse adagiata o adombrata, che non siamo soli. Non basta saperlo, occorre vivere pienamente questa consapevolezza, riesumarla facendola a noi presente, istante dopo istante.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.