La falsa lucidita' della ragione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La falsa lucidita' della ragione

La falsa lucidità della ragione

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Non abbiamo bisogno di nulla se non di osservare. La rivelazione è difatti nella semplicità e proprio questa oggi ci viene preclusa.

Foto dii Claudio Scandelli
Foto dii Claudio Scandelli

 

Si nasconde tutto attraverso il carico di sofisticazioni che ritroviamo già alle basi dell'informazione più elementare. Nascondere è la prima avversione alla Democrazia e purtroppo siamo in pochi a volerlo comprendere. Operazioni per nulla trasparenti e condotte lontano dai riflettori portano gli onesti ad apparire sciocchi.

Cos'è la lucidità se non una richiesta semplice di trasparenza? In un mondo che abbonda di razionalismo cercando di essere seri e obiettivi, si diventa ciechi e ridicoli affermando verità che andrebbero indagate e porte agli altri con l'intelligenza del cuore.

Ogni cosa a suo tempo e con gli occhi giusti.

Così dovrebbe essere e riguardo al tempo, spesso la fretta o l'eccessivo lassismo al contrario, impediscono la giusta visione dell'oggetto. Il Presente è il luogo e spesso non coincide col tempo. Rimaniamo indietro o ci sbilanciano troppo in avanti. Sconfinando in altre dimensioni non pertinenti, impediamo all'oggetto di venire colto e trasmesso. È tutto molto complicato oggi. In una realtà in cui le coordinate spaziotemporali crollano per essere riempite da falsità che si vorrebbe esternare e rendere obiettive.

Siamo stati visitati da altri mondi nel 2017 e solo oggi ne arriva la notizia da parte della NASA. Come se non lo fossimo mai stati prima, come se vivessimo ai margini di un Universo che spetta a noi catalogare dopo averlo studiato attraverso lenti ciniche e deformanti. Come se l'Universo fosse in vita solo per noi e tramite noi. E mentre si è presi da altro e le notizie sono tutto fuorché vere, in un mondo che si riempie la bocca di espressioni come "politicamente corretto" e "green economy" alcune regioni del nostro Paese sono state scelte per l'interramento di scorie nucleari. Bisogna guardare oltre, ci viene chiesto. Peccato però che l'oltre sia sempre più irraggiungibile in un oggi distaccato dal suo presente.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.