La purezza, racconto antico
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La purezza, racconto antico

La purezza, racconto antico

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La purezza è magnetica, attira. A volte è devastante per chi la intende ma non le assomiglia. Eppure c'è ed è il motore vivente della Natura. La incorporiamo nella nascita e poi la perdiamo, perdendoci nella vita. È fragile la purezza e profonda come il cielo che ci sovrasta.

William Turner, “Tempesta di neve, battello a vapore al largo di Harbour’s Mouth” (1842)
William Turner, “Tempesta di neve, battello a vapore al largo di Harbour’s Mouth” (1842)

 

Nella sua fragilità è insita la sua forza, perché autentica e l'autenticità non è solo di chi la possiede, ma anche di chiunque non si limiti a guardarla e l'assapori. Se vogliamo, la purezza è in ogni gesto d'amore che la curi e non la bersagli di contenuti che non le appartengono. Nella sottocultura dell'informazione, la purezza è una realtà da scardinare proprio perché integra e non corruttibile, così come da scardinare è ogni forma di primordialità. La purezza nasce col desiderio dell'uomo di raccontarsi, di donarsi per ritornare alla sua integrità perduta nel Tutto. La ritroviamo nelle figure insolite e altresì dolci delle fiabe e dei racconti antichi. È il vascello che ci sorregge nelle tempeste e la cui immagine tanto colpiva i pittori romantici, da riproporla nelle loro opere. È la nave che va nella furibonda tempesta, incamera acqua e continua ad andare perché sorregge l'umanità vera. È il vascello fantasma che compare e dispare nel turbinio dei marosi. È richiamo al cielo che perdura in chi non si lascia irretire dalle manipolazioni e va, seguendo il vento, ascoltando il suo antico richiamo.

Siamo cielo e la purezza lo ricorda. Siamo il vento delle immagini più arcane che ritornano a volte per rapirci una manciata di attimi, altre volte perché dentro di noi si sentono a casa. Il respiro è la volta del nostro cristallo interiore nella cui grotta trovò il senso della sua opera il mago Merlino. Il cristallo è trasparenza e comunica e rilascia al mondo le sue energie. È se stesso ma si lascia vedere, volendo trovare nel silenzio che gli è proprio in contrapposizione al fragore balestrante del mondo.

Leggi la poesia: La purezza del cristallo

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.