La realta' deterministica e l'orientamento del Destino
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La realta' deterministica e l'orientamento del Destino

La realtà deterministica e l'orientamento del Destino

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Le stelle volano? No, hanno un destino. Il volo è libertà infinita e senza meta, per questo sradicata da tutto. Migrare nello spazio equivale a viaggiare e questo fa la differenza tra libertà e libertinaggio.

La Creazione Giusto dè Menabuoi1370 - 1390 - Battistero San Giovanni Battista- Padova
La Creazione Giusto dè Menabuoi1370 - 1390 - Battistero San Giovanni Battista- Padova

 

Avere una meta lega il Destino all'accadere. Accade ciò che è impresso nell'ordine naturale delle cose e proprio questo principio oggi si tende a scardinare o a sovvertire. "Accadere" è legato a "desiderio" e quindi a "destino". Al precipitare delle cose dall'Alto che ci governa. Accade è una parola che ha in sé il concetto di spostamento finalizzato dall'alto verso il basso. In questo è la differenza dal verbo "Cadere", disgiunto da ogni legame, che acquisisce pertanto una autorevolezza negativa a cui segue la fine intesa come morte. Cadere nutre in sé la transizione a dimorare che è uno stato assoluto. Ciò che esprime dinamismo ha in sé la visione allargata del tutto e l'incesellamento che lo lega ad ogni altra cosa. La divinità ha in sé il concetto di dinamismo perché è azione e a proposito di questo si risolve in negativo il principio aristotelico del "Dio motore immobile" derivante da una logica fondata sulla contrapposizione tra ciò che è imperituro e il dinamismo cangiante delle cose. Il repentino ammodernamento della condizione ellena traslata in Ellenismo e la conseguente espansione deleteria per la cultura greca che la portò ad abbracciare altri territori e altri costumi, coltiva in sé il significato in negativo di "Destino" legato al principio di libertinaggio prepotente che sottomette la dimensione degli dei orientati al loro tacito determinismo.

L'Ellenismo apre alla morte del vecchio, travolto dai nuovi germi di una realtà decentristica e dinamica. Tramite le teorie aristoteliche nel Medioevo si consolida la posizione accentratrice e detentrice della Chiesa restia ad abdicare a soluzioni nuove, ingerendo con oppressione in ogni ramo della conoscenza. Ciò scaturito dal timore di dover rinunciare o mettere in discussione la sua posizione egemonica e di dominio.

Leggi la poesia: Accade mentre

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001