La prostrazione della solitudine
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La prostrazione della solitudine

La prostrazione della solitudine

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il dolore è scomparire. Assentarsi dal mondo per dileguarsi nel nulla che è una stanza senza luce. Nessuno è più solo e più distratto di colui che è immerso nel dolore.

Dipinto di Sandro Frinolli Puzzilli  "Alone again"
Dipinto di Sandro Frinolli Puzzilli  "Alone again"

 

La vera solitudine in fondo cos'è se non continua distrazione dal mondo e da noi stessi? Non possiamo esistere se non in relazione al Tutto che è la Verita presente nella Natura e nel Cosmo. Il dolore ci astrae da ogni correlazione energetica per portarci in un luogo tutto suo, freddo e inanimico.

C'è dolore e dolore. Dipende da noi che uso farne, se uscirne o lasciarci trasportare nell'indefinibile, perché anche le parole che fuoriescono da noi sono nostre in relazione al Tutto e chi soffre veramente riesce ad uscire, a sfondare la porta della tetra stanza. Chi invece soffre rinunciando a vivere, fa una scelta che significa entrare in un tunnel da cui non è previsto ritorno. Chi accetta il tunnel, accetta di vegetare e rinuncia alla morte che è passaggio a un'altra luce. La sofferenza che si trasforma in giacenza non contempla la morte che ci permette di andare oltre e altrove. La sofferenza che catapulta nella depressione catatonica è oblio. È sparire essendo presenti. È non avere più voce e traslocare nella stanza grigia.

In questo dipinto vediamo il contrasto tra il sole sparpagliato nel suo bagliore all'ora del tramonto e la fredda giacenza dell'uomo. L'astro, riflettendosi nel fiume evidenzia il legame che cinge e dà voce alle cose mettendole in correlazione. Su un lato la solitudine prostrante dell'uomo adagiato sulla panchina, che rimane chiuso in se stesso nella sua rigida e mortificante immobilità che fa chiudere gli occhi al mondo, raccogliendolo in una muta invisibilità. È accecante il contrasto tra il fragore rosso del tramonto e il deserto che invade l'uomo, ancor più evidenziato dalla neve che atrofizza suoni e movimenti.

La morte del sole è colore e sprizza vita. È promessa di gioia nel ritorno che irrompe nel ciclo vitale delle cose le quali si concedono a lui dal di dentro.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.