Nel segno della Croce, l'abbraccio immortale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nel segno della Croce, l'abbraccio immortale

images/stories/lafinestrasullospirito-2021/articoli/chagall_-_white-crucifixion-1938.jpg

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'amore sviluppa la gratitudine e questa accede al ringraziamento. L'amore fa sospirare ogni dolore e nelle persone troppo stanche si spegne l'amore prima che esse spengano loro stesse. Il dolore è l'altra faccia dell'amore che rende gioioso e possibile ogni tragitto e il passaggio attraverso le strette porte.

Chagall - White crucifixion (1938)
Chagall - White crucifixion (1938)

 

Ci conduce l'amore su un vascello che seguita piano a fluire sulla corrente e conosce patimenti solo quando s'interrompe il suo destino che è quello tracciato nel suo cuore.

L'amore è sconfinamento e tutto rende possibile. Anche alla morte di rendersi vita ed è quanto Gesù ci ha insegnato con la via della croce. Non il dolore dovrebbe impressionare ma la luce del suo corpo straziato, che grazie alla croce si fa totale, espandendosi in tutte le direzioni. La croce è questo e al suo centro c'è Dio. Il dio che orienta la luce di cui è figlia. Alla croce segue l'abbraccio che è uovo primordiale che contiene tutto nell'infinito. L'abbraccio è appartenenza che sostiene e incoraggia e la luce di un abbraccio rafforza l'Universo. L'abbraccio è uovo e altresì l'arca di Dio che ci traghetta tra le intemperie e ci sostiene in quanto figli suoi. È madre con il vigore fisico di un padre ed è involucro di noce che nutre e contiene il gheriglio all'interno.

Tutto questo è Amore e io e te in lui. Indispensabile è esserci, perché io senza di te sarei un'altra con una storia estranea alle spalle e un domani incerto. Tutto sarebbe inutile e il mio essere orfana in una peregrinazione in solitudine.

Leggi la poesia: Perche' so che ci sei

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.