Nei luoghi che non tornano
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nei luoghi che non tornano

Nei luoghi che non tornano

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Vorrei entrare in questa foto per rivivere il non vissuto che mi porto ancora dentro e lasciar sbocciare la speranza del cambiamento alle svolte della mia strada. E soprattutto, per scoprire me attraverso te.

Fiori, dipinto di William Turner
Fiori, dipinto di William Turner

 

Non c'è luogo di quelli attraversati nel passato che non ti, ci appartenga. Ogni cosa indossa il mio tormento. Ogni cosa parla di te e spiega il mio distacco dal mondo che mai avrei conosciuto se insieme avessimo calcato questi luoghi. Noi siamo soprattutto nella nostalgia negata e ciò ci fa assaporare la fantasia. Grazie alla fantasia ci riscopriamo uniti e rivisitiamo luoghi dell'integrità e identità della luce che li rende sempre attuali, di pari passo con i nostri sentimenti.

Ho cura dei miei ricordi perché l'ombra che nascondono conferisce una luce enigmatica e di sonno. Il rifugio in cui accorro per difendermi dal mondo in cui mi sento goffa e mai all'altezza dei suoi disvalori. Lì nel non vissuto io.ti percepisco e attraverso te ritrovo me. Perché noi siamo nelle nostre paure vissute che incrociano desideri e dall'incontro di paura e desidero si sbroglia la vita. Le paure sono passate, molte sono tornate a farmi visita come parassiti che si nutrono di speranza e di un fiore che è promessa. Perché l'uomo in questo è più che nel vissuto. In ciò che ha lasciato andare per renderlo proprio e farlo scivolare dal cuore come un fantasma presente con cui tenere caldo il luogo dei freddi giorni. La sua casa da popolare di dolcezza e di ritorni con cui superare le tetre solitudini.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001