Nel regno invisibile di Fate ed Elfi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nel regno invisibile di Fate ed Elfi

Nel regno invisibile di Fate ed Elfi

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Natura è magia. Oltre l'apparenza è un mondo meraviglioso che le storie e le antiche credenze mantengono in vita di contro alla modernità.

Claudio Scandelli - Terre di Crema
Claudio Scandelli - Terre di Crema

 

Le luci artificiali offuscano ciò che per sua struttura era destinato a durare e a rendere splendenti le tenebre. La Natura è governata dalla luce che al contrario di quanto avviene nella nostra ordinarietà, è contenuta dalle tenebre. Pochi sono ammessi a vedere quanto nel mondo fatato avviene e solo chi ha impressa negli occhi la magia propria della Natura.

La parola "fata" collega nella sua radice etimologica il verbo "dire" al vocabolo "fato". Il destino è predizione e le fate sono creature magiche che assecondano l'ordine preciso che regna nel Cosmo, andando così oltre la caducità del tempo e la definizione degli orizzonti spaziali. Sono il cuore delle cose e impresso hanno volontà Superiore che ha dato vita all'Universo intero. Non esiste magia che non operi concretamente e il "dire" e il "destino" sono legati al principio di volontà come costruzione. Quindi al fare. Non esiste magia che non intervenga a sciogliere i nodi delle leggi fisiche in virtù di benefici grandi. La magia per come la conosciamo suddivisa in bianca, nera e rossa associata alla negromanzia è frutto di un lavoro arbitrario dell'uomo che esercita la propria volontà coercitiva su quelli che sono i meccanismi interni (i vincula) che regolano le leggi del mondo visibile.

Come le Fate, gli Elfi sono esseri di luce, bianchi come suggerirebbe la radice dell'etimo. È degli Elfi la capacità  di cambiare forma e di trasformarsi in animali del repertorio immaginifico rurale. La loro fluidità metamorfica li associa al regno liquido le cui rappresentanti dell'immaginario collettivo sarebbero le sirene: fate con la coda di pesce. Esiste una vera e propria letteratura di testimonianze di persone semplici: contadini, pastori e cercatori di funghi che li avrebbero visti o incontrati almeno una volta nella loro vita. In ogni caso, si tratta di esseri magici, che contribuirebbero a mantenere in vita i principi e le leggi sottili in seno alla Natura. Esistono elfi belli, birichini e persino perfidi, ma anche qui come per la scansione della magia prima citata, la differenziazione è frutto del pensiero e dell'ingerenza dell'uomo tra le regole che vigono e alimentano gli equilibri all'interno della Natura.

Esiste una simmetria speculare concepita nell'uomo che si riflette nella Natura animando in base al proprio sentire, quanto avviene nel Cosmo. Altro è un'estensione delle proprie negatività che vengono dalla cultura razionale riflesse sul soprannaturale, investendo anche l'universo delle entità sottili al fine di scardinare la loro autentica diversità. A mano a mano che la sfera razionale e l'intelligenza utilitaristica hanno preso il sopravvento nelle culture umane, il mondo sovrasensibile ha sentito la necessità di ritiarsi nel suo mistero per non rischiare l'estinzione o divenire contagiato dalle prerogative umane.

Sono pochi oggi a intravedere nel profondo bosco la magia relativa alla presenza di questi esseri che ritroviamo nella letteratura ormai di second'ordine di fate e folletti. Eppure esistono ed esisteranno finquando l'uomo non avrà smesso di stupirsi ed emozionarsi dinanzi alla magia e al fascino della Natura ancestrale che ancora possiamo ritrovare lontano dai grossi centri abitati e in quella dimensione agreste che dissolve i pensieri, tanto cara ai nostri avi.

Leggi la poesia: La filastrocca di un elfo

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001