la forma della musica
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

la forma della musica

Gerardo Dottori Stampa Artistica di qualità Growing Power Circa 1919

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Se ripenso a tutta la bellezza incontrata e vissuta, allora sorrido e mi viene voglia di continuare a vivere. Grazie anche alla musica che ricordo e mi parla ancora.

Gerardo Dottori Stampa Artistica di qualità Growing Power Circa 1919
Gerardo Dottori Stampa Artistica di qualità Growing Power Circa 1919

 

La musica... in questo clima di gravità assoluta, mi porta a credere che forse c'è ancora tempo per la montagna del silenzio, e intanto tante funi saranno tessute e intrecciate per armarsi e procedere verso la salita. La musica è condivisione e non mi fa sentire sola. È l'abbraccio degli astri che mai nessuno potrà estinguere nella memoria del petto sensibile. Forse è proprio questo che i nostri padri greci volevano a distanza di tempo suggerirci, parlando degli astri e dei loro magici disegni compiuti negli spostamenti. Quei meravigliosi disegni, o meglio, calchi della luce nell'inchiostro del vuoto che nel firmamento compaiono, sono un linguaggio che noi traduciamo in note. Sono il Verbo del silenzio a variazioni di intensità e gravità che producono il nostro concetto di armonia, senza dubbio proiezione verso lo sviluppo dell'anima in tonalità sempre più alte. È un ritrovarsi in alto, al contrario della dispersione che è un precipitare senza salvezza.

La musica è percezione di sé e proiezione in alto, nella volta di accoglienza, quando ci si sente persi. È la ricerca tra i mutamenti ciclici del cielo, della nostra ala perduta e che ricompone il nostro cuore primordiale. Perché noi siamo stati musica e comprendiamo ciò che abbiamo conosciuto e la nostra vasta identità, prima di smarrirci per le vie del mondo incarnato. E la musica ci salva in quanto impronta dei mondi siderali e galattici che abbiamo lasciato. La musica ci salva perché noi nascendo e sviluppando la consapevolezza non più sul piano di astrazione come idea, l'abbiamo salvata precipitandola in noi.

Leggi la poesia:  Insieme nel sogno

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.