La crisi odierna e la strategia di smorzamento del Logos
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La crisi odierna e la strategia di smorzamento del Logos

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
La crisi odierna e la strategia di smorzamento del Logos
La crisi odierna e la strategia di smorzamento del Logos
 
 
Io ho imparato con estrema umiltà a rispettare i Grandi e a emularli nel loro percorso formativo, scegliendoli come esempio per la mia costruzione interiore. Tanta gente non vuole emulare e preferisce umiliare. È questo il dramma della "cultura" odierna.
 
Siamo nella notte dell'Occidente. Chi non vuole salire perché costa sacrifici, investe le proprie forze nell'avvilimento di chi è superiore, contribuendo così, negligentemente alla distruzione di quanto sarebbe giusto proteggere. Agendo in prima persona contro i presupposti vocativi della propria posizione culturale e professionale. La scuola pubblica per anni ha sfornato soggetti da rimpiazzare non per merito, ma dietro il consenso tacito di chi ha provveduto a impiantare un sistema di raccomandazioni e bustarelle che di fatto ha sfornato greggi di qualunqualusti che stanno minando la nostra florida tradizione di studi e di Pensiero, e innanzitutto i pilastri... fondanti la Democrazia. Questa realtà culturale prima che istituzionale e politica è stata eclissata barbaramente da scelte di Governo fittiziamente cautelative e tutelative. Gli intellettuali sono oramai un esercito di gente plagiata al fine di sotterrare la luce del Vero a favore di una realtà credibile ma non effettiva nella sua oggettività. Ciò è stato possibile a seguito dello scollamento da ciò che aprioristicamente è definito oggettivo e diverso da ciò che è definito reale. Il reale oggi non è l'oggettivo ma non è neanche il logico. La separazione tra oggetto e soggetto è antica più di un secolo, ma il tramonto della logica come percorso del linguaggio ad opera del Pensiero è un dato del tutto moderno, anzi attuale e raccapricciante.
 
La realtà è piegata alla finta logica degli abusi e del disprezzo verso chi difende i principi pilastriali. Le contraddizioni che attraversano la nostra civiltà sono frutto della disarticolazione dell'oggetto dal piano della logica, che rende pertanto possibile ogni influenza disorientativa sull'individuo. Questo processo è in atto già dalle scuole primarie. La frammentazione del ruolo tutelare del Maestro ha portato con la variegazione di materie e discipline al processo di disintegrazione degli individui, preparandoli a una percezione della cultura e della vita sociale dissolutiva. A tramontare non è stata solo l'era del maestro unico alle elementari, ma anche la visione di unità primordiale che passa attraverso la cultura di nazione come patria e della famiglia come autorità. La disintegrazione della ideologia delle autorità ha minato seriamente le figure autorevoli, sorrette da una visione gerarchica dei valori e delle priorità, facendo collassare le ragioni basilari dell'esistenza che di fatto si esprimono attraverso una visione verticistica dell'anima in base ai suoi presupposti vocazionali. A risentirne è stato soprattutto il cardine intorno a cui dovrebbe ruotare la vita di tutti, ossia la chiamata personale a dare un senso non solo alla propria esistenza ma, con la partecipazione individuale, a un programma collettivo che difatti non esiste più. Uccidendo il singolo come persona, si è minato distruttivamente la struttura sociale, rendendo possibile il minimalismo binario e virtuale, basato sull'uno in rapporto al proprio riflesso deformato e non sul rapporto dialogico, quest'ultimo alla base di ogni filosofia di pensiero e culturale e politico.
Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.