Il ritmo dei ricordi nella pittura espressiva
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il ritmo dei ricordi nella pittura espressiva

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Max Rentel (Germany, 1850 - 1911)  Grandma is the best
Max Rentel (Germany, 1850 - 1911) Grandma is the best

 

La Natura è ritmo e in esso si esprime il miracolo della danza dei colori. La danza è vita perché nasce dalla vita e la pittura converte i colori in ritmo sulla base di ciò che è stato tramutato in dinamico e da qui nuovamente in statico. Ciò che è statico acquisisce carattere dinamico e viceversa, e in tale alternanza si palesa l'impronta artistica della pittura.

Questo sofisticato movimento traduce in realtà un principio estrapolato attraverso il leggibile spettro del mondo che si flette nel nostro sguardo tra oscillazioni reinterpretate dentro di noi e filtrate secondo l'esperienza di apertura e poi di chiusura con cui tratteniamo e rielaboriamo dentro di noi l'esterno. Per incamerare occorre fare spazio e lo spazio interiore è il vuoto che con la nostra esperienza esistenziale riempiamo di continuo. Se la vita è palese svuotamento di ciò che è superfluo e quindi riconduzione al nudo primordiale, la dimensione animica acquisisce visibilità attraverso l'operazione di riempimento che necessita di periodiche selezioni per dar posto al nuovo che entra in noi per essere metabolizzato e convertito in ricordo ed esperienza. La ricchezza dell'anziano è pertanto il ricordo che si tramuta in saggezza nel momento in cui emerge la sintesi delle esperienze singole assorte a pensiero inequivocabile in cui la storia umana si riconosce sotto vari aspetti. Il ritmo.della vecchiaia è quindi nella donazione e apertura del proprio habitat interiore agli altri. È condivisione e prima ancora semina che proviene da un atto di libertà che si rivela altresì liberazione. Ciò prima che l'anziano si conceda al nudo terreno e al reinternamento nella dimensione archetipica che conduce per via astrale al riassorbimento nell'antetempore.

Leggi la poesia: E' antico cio' che ritorna

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001