Nel cielo della distanza profumato di amore
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nel cielo della distanza profumato di amore

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
opera digitale di Alex Ruiz che mostra ciò che Van Gogh avrebbe potuto vedere prima di dipingere il suo capolavoro
opera digitale di Alex Ruiz che mostra ciò che Van Gogh avrebbe potuto vedere prima di dipingere il suo capolavoro

 

Il sorriso e il volto disteso o stranito accalorano. Contagiano le labbra che si appianano sul volto contratto degli altri, facendo emergere il sole dentro gli occhi. La scena si risveglia e si solleva il sipario, mostrando oltre la parete in fondo, altri orizzonti che nella cecità distratta o compressa non spiccano. 

Il cuore innamorato è un camino acceso che riscalda e rischiara la stanza, ammorbidendo le pareti. Così l'umanità che ci passa accanto è muri e confini, e tanto altro serbato dentro che aspetta la giusta scintilla per scomodare le corde delle emozioni. Tra tanti distratti e assorti, ciascuno chiuso nelle proprie gabbie, che ci passano di fianco per strada tutti i giorni, ci sarà sempre chi si sentirà vicino al cuore che ama e sorride al punto da diventare propaggine di una tenera storia che continua e prosegue per conto suo nella discrezione dell'altrui sfera privata.

Nella contrazione è l'inverno. L'irrisolto che opprime e non trova la svolta. È una casa spoglia col portone serrato, che ci guarda dall'alto tetto, come un gigante dalle spalle possenti che non lascia splendere l'anima che ha dentro di sé.

Siamo tutti la storia di qualcuno e raramente il calore eterno che si espande per strada all'unicità di due cuori che rintoccano all'unisono e si toccano nel cielo della distanza. Tutto è sibilo dell'amore. Anche il vento che fruscia tra i capelli e fischia nelle orecchie. Tutto col cuore caldo e aperto ha le sembianze della sospirata presenza di chi amiamo e del suo costante ritorno con la risacca della nostra memoria.

Leggi la poesia: Nella danza del fuoco

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001