Il cielo sotto gli alberi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il cielo sotto gli alberi

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Claude Monet, I papaveri
Claude Monet, I papaveri

 

Ogni giorno è una scoperta. La vita ci invita a perlustrare. A salpare per nuovi lidi che non ci chiedono necessariamente di andare lontano. Tutto ciò che serve e di cui abbiamo bisogno è intorno a noi. Intorno significa tante cose. Strati su strati, veli sopra veli, tende e tappeti. Ogni giorno il miracolo è in ciò che si compie a portata di mano e che noi non cogliamo perché viziati da una visione sofisticata della vita. 

 

C'è bisogno di vitalità a partire dalle piccole cose che solitamente sfuggono e che per le anime pure e sincere raccolgono il profondo senso del tutto. Forse in questo la presunta pandemia ci sta venendo incontro e c'è chi dice che non torneremo più ad essere quelli di prima. L'assenza di spostamenti inutili e futili ci porta ad apprezzare cio' che prima non sapevamo vedere. Non in tutti questa nuova visione della vita permarrà. Di certo la vicinanza della terra da un'altra prospettiva e sicuramente naturalistica ci porterà a sfuggire l'artificiosità. Ci stiamo legando al suolo ultimamente, ma non come fosse la realtà che prende il sopravvento sul cielo, neanche come la sua integrazione. La terra ci sta educando a un diverso approccio col cielo che prima credevamo in relazione a nuovi orizzonti lontani che richiederebbero sforzi ingenti e materiali per essere raggiunti. Oggi il cielo per i più sensibili è sotto e intorno a noi, nello svolgersi delle vite segrete prima a riparo dai nostri occhi interessati ad altro, oggi invece sorprese quotidiane che ci fanno compagnia.

Occorre inginocchiarsi alla terra, madre Natura, per cogliere il cielo e viaggiare con le ali dello spirito. Perché nella terra c'é tutto il particolare e in ogni forma che vaghi nella nostra fantasia e di cui abbiamo bisogno. E le lacrime versate dal cielo, affinché noi sorridiamo della vita che tutto intorno fiorisce.

Sorridere allora è una forma di creanza che ci porge la Natura. Sortidere allora, equivale a ringraziare.

Leggi la poesia: La cercavo

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.