La materia invisibile e i suoi disegni nell'Universo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La materia invisibile e i suoi disegni nell'Universo

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
La materia invisibile e i suoi disegni nell'Universo
La materia invisibile e i suoi disegni nell'Universo

 

L'infinitamente piccolo è altro dall'invisibile. Molto interessante lo studio che partendo dalla luce e dal suono riporta e rielabora le conoscenze dell'antica cultura sapienziale.

A riguardo, la culla del suono e della luce e la loro influenza sulle variabilità della fisica materica poggiano proprio sulle radici dell'alchimia più sensibile secondo cui ciò che interviene ed è l'effetto, è anche agente di trasformazione. Questo principio trova riscontro e ridona refrigerio a quanto contenuto nei primi passi della Genesi. La Luce è l'azione ma anche il risultato della forza motrice originaria, lo stesso dicasi del suono che rende fruibile la luce. Ciò che arriva a noi, pertanto è il risultato di un processo di aggregazione che parte proprio da quanto esiste ed è invisibile e sfuggente anche alle indagini scientifiche più approfondite.

I Muoni, particelle nascoste ma fondamentali nel gioco della trasformazione della materia, svolgono un'azione attrattiva e concentrativa, come fossero appunto calamite. In virtù di ciò, la materia si ripresenta come luce e suono risultati di queste operazioni concentrative che sono messe a punto dalla forza centripeta contrapposta a quella centrifuga che regna nell'Universo. La dispersione ha la sua controparte nell'aggregazione, principio questo alla base di tutte le culture umane e che trova riscontro significativo nei cosiddetti buchi neri e nella materia invisibile che governa l'Universo.

I Muoni, come suggerisce la radice della parola stessa "muo: nascondere", riportano al concetto base e di identificazione del due nell'uno, tramite l'azione riflettente del pensiero umano. A ciò che è prima del tempo e che si concretizza sul piano della luce e del suono, ossia all'antetempore intrauterino in cui tutto è presente sul piano di una latente progettualità. La concentrazione del suono e della luce è fondamentali a reggere l'equilibrio della materia cosmica e a consentire che la mente umana intervenga sul piano della riflessione e sia compartecipe della forza creativa che smuove l'Universo.

L'Infinito si realizza riflettendo su se stesso grazie alle due forze contrarie di dispersione e aggregazione e ciò rende possibile la funzione vitale espletata dal sole che è concentrazione e non ancora collassamento della luce. Dalla luce si ritorna al buio. Ciò è quanto c'insegna la morte di una stella che collassando su se stessa si trasforma in buco nero, permettendo alla materia invisibile di esercitare la sua forza vitale e pulsionale nell'Universo. Le vibrazioni del suono espletano tali funzioni in maniera unidirezionale, consentendo alla materia e alla nostra conseguente conoscenza applicata sulla materia di giungere a comprendere quanto nella fisica organica e cosmica sia importante il piano della progettualità che nelle religioni si esprime in finalismo. Il suono irrompe e grazie ai Muoni noi ne cogliamo la presenza come effetto della luce che si esprime sul piano di svariate potenzialità, perché causa ed effetto di un ventaglio infinito di vibrazioni.

Leggi la poesia: In corpi diversi

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001