Scorrendo nel flusso delle cose
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Scorrendo nel flusso delle cose

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Paesaggio ferroviario di Fabrizio Bonacasata
Paesaggio ferroviario di Fabrizio Bonacasata

 

Nella vita ci sono cerniere ovunque e grazie a queste scorriamo. La vita è scorrere e scorrendo una traccia lascia. È incredibile come la Natura preesista a noi e in questo è la sua sovranità. È eterna e sovrana perché non si pone domande. Ogni suo tassello è un microcosmo individuale che coopera nella struttura del tutto intervenendo alla sua corroborazione. Questo negli umani non esiste più. Esiste l'eternità del singolo da perseguire come fosse un'autorità a parte, disgiunta da tutto il resto.

Doverosa allora una domanda. Cosa è essenziale? Ciò a cui tendiamo impegnandoci a fondo e perché ciò esista e si concretizzi, occorre crederci. La via è l'inequivocabile tensione personale che determina la luce. Ognuno è un raggio la cui luce resta per sempre se ha messo gioia nel suo vivere. Oggi non esiste più gioia perché si è spento l'entusiasmo. Senza entusiasmo siamo automi e il futuro tende in questa direzione. Si lega la libertà ai soldi e non ai valori. Il collante è la gioia che proprio oggi tende a mancare. Si parla di verità e di vita sempre in relazione agli obblighi soprassedendo sul sorriso di Dio che tramite Gesù ha inciso un'orma indelebile nell'umanità.

Siamo incisione di noi stessi sulla sabbia del tempo tramite il sorriso e la sofferenza che lascia uno strascico d'amore. È questa una sofferenza non rigorosa e arcigna, umiliata da se stessa, ma dolce pronuncia di un bocciolo che si schiude al mondo come fa il sole lacerando la notte o come fa la luna, schiarendo le tenebre, diluendosi in essa. Tutto a ben guardare è sacrificio e rinuncia, ma la predisposizione avvertita dentro fa la differenza e allora il donarsi si tramuta in gioia.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.