La Natura nella Bellezza
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La Natura nella Bellezza

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Gustav Klimt - Two girls with oleander, paticolare 1890-1892
Gustav Klimt - Two girls with oleander, paticolare 1890-1892

 

Ciò che arriva è la linea di confine tra il non ancora nato e il nulla. Gli odori... imbrattano il naso di altre vite che già vivono dentro di noi, altrimenti non le avvertiremmo. Avvertire è già riconoscere senza aver posto un nome. È qualcosa che spunta come un neonato arrivato or ora.

È tutto un nascere continuo a ben guardare, senza che nulla muoia necessariamente. È un rinascere senza morte nel brivido dell'odore che ci fa comprendere che siamo tutti affacciati al balcone del tempo e che la levità perdura lasciando segni, sfoglie di impronte come su ornamenti preziosi con cui avvicinarsi al senso della bellezza. Qui si conservano l'immortalità e il senso della vita.

In passato a questo servivano i gioielli. A ricordare il vero senso che è nella preziosità conferita al già esistente di cui si adornano le forme di uomo e donna in possesso dell'mportante verità non da tutti raggiunta. La Natura è su tutti i monili impressa nelle sue varianti più semplici, eppure più garbate. È del princeps adornarsene a suggellare il legame con l'indissolubile primitività che contiene la forza stessa della Natura ed è sede dell'umiltà degli esseri più evoluti. Il primo cittadino era quindi colui che trasferiva e tramandava i saperi più antichi, confermando il forte legame tra il primo che vuole dire anche irraggiungibile e unico, separato da una incolmabile distanza, e l'autenticità primigenia che nei suoi misteri solo pochi e in fasi consequenziali conoscono, le sono ammessi.

La nobiltà in chiave aristocratica da questo principio in passato ha mosso i suoi passi traendo ispirazione e ispirando il rapporto uomo Dio, prima che venisse nel tempo eclissato, come la storia della Chiesa in primis ci comunica.

Leggi la poesia: Dal bordo dei fiori

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001