Il respiro della Bellezza nel Sublime
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il respiro della Bellezza nel Sublime

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Foto di Fabrizio Bonacasata
Foto di Fabrizio Bonacasata

 

Quanto si associa all'Inferno per immagini burrascose e turbolente, proiettato nel cielo assume carattere liberatorio e connotati di sublime ed esaltante bellezza. Dobbiamo arrivare al Romanticismo e al suo avamposto neoclassico per superare quelle barriere associative che soprattutto nel Medioevo impedivano di cogliere la Bellezza nella sua totalità. Imparare a vedere è delle menti libere, scevre da ogni condizionamento che vada a influire soprattutto sulla Bellezza percepita.

L'alba cosparsa di vagabonde nubi ci ricorda che dagli inferi nasce la vita. Un cielo che rimbomba di tonalità screziate di rosso e bronzo non va giudicato. Esso va colto e assaporato nel suo essere percepito quale tassello prezioso del Creato. La mutevolezza è parte importante di quella Bellezza che transita nel tempo associato alle nuvole.

Il Sublime esalta quanto la distensione va accarezzando con le percezioni di equilibrio che rilascia. Gli sbalzi hanno il loro spettro di armonie a cui noi ci andiamo assuefacendo. La Bellezza è parte impulsiva della libertà e quanto più ci si va allontanando da questa, tanto più gli schemi canonici soverchieranno la percezione e il rilascio della Bellezza attraverso le opere e i loro contenuti. L'addomesticamento con la privazione della libertà non può non ledere all'esplosione della Bellezza più autentica. Gli eccessi a cui ci sottopone l'attuale orientamento sociale ne sono la comprova. Agli eccessi tramite un acceso esibizionismo fanno da contrappunto i diritti a singhiozzi rilasciati, quasi fossero delle concessioni volute da chi ci amministra e alle quali di regola non saremmo ammessi. È quanto andiamo sperimentando con le riaperture e il passaggio alle zone bianche, quasi fossero il premio per buona condotta riconosciuto dallo Stato. Ci stiamo allontanando dai diritti e da quanto messo a punto dall'Illuminismo sociologico di Rousseau e da quanto sostenuto ancora prima da Voltaire. In un mondo siffatto, anche la Bellezza secondo i suoi criteri più veri rischia di essere compromessa dall' anarchismo ossia, da quella libertà violentata atta a modificare l'ordine naturale delle cose e quanto da noi percepito.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001