L'Universo finito e la produzione immaginativa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'Universo finito e la produzione immaginativa

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Kandinsky - Jaune Rouge Bleu
Kandinsky - Jaune Rouge Bleu

 

L'Universo letterario reggerà finché l'uomo avrà il potere di immaginare e prima ancora di immaginarsi. Siamo, nel momento in cui ci proiettiamo all'esterno e questo è di per sé un'azione creativa.

Come quella del Dio enucleatosi attraverso il Verbo a cui fa riferimento prendendo spunto dalla forte influenza greca, il Vangelo di Giovanni a proposito della Creazione nel passaggio della Genesi. Il punto è proprio questo. L'uomo immagina e crea. Attraverso la creazione non in senso artistico più puro ma che può includere anche questo, si determina. La determinazione è spinta oltre la definizione che è in sé un fatto compiuto. Con l'emancipazione della tecnologia cibernetica, le proprietà immaginative intrinseche all'uomo si ridurranno drasticamente, così come la capacità di raccontarsi anche attraverso aneddoti e non solo. Stiamo già assistendo a un processo di polverizzazione delle fiabe o dei racconti tradizionali che contengono informazioni da cogliersi sul piano emozionale, nonché immaginativo.

Il crescente bisogno di filtrare tutto attraverso la logica ci farà scadere su un piano troppo finito che produrrà sterilità su tanti fronti. E non ultimo ci renderà schiavi. La logica affidata al Logos è quanto già contemplato dalla filosofia classica che pure si è arrestata dinanzi al Bello e alle emozioni proponendo svariate interpretazioni che dopo il Romanticismo e con l'avvento della Psicanalisi hanno cercato di dare risposte più obiettive ed esaustive. L'energia non esiste solo come fonte e motore di una determinazione meccanicistica. L'energia è tutto ma va vista come innescatrice di processi perfetti e percettibili, non la ragione escatologica degli stessi.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001