Nella cavità di un abbraccio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Nella cavità di un abbraccio

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Barbone italiano di Piero Tridente
Barbone italiano di Piero Tridente

 

C'è raccoglimento nel dolore, slancio verso i luoghi dove ancora non siamo stati e che abbiamo dentro. Si odia e poi si piange e ci si ripiega su se stessi per ritrovare ciò che abbiamo perduto e l'affetto nella vita più volte tradito.

La vita è un ciclo e noi con noi stessi lo rivisitiamo e descriviamo di continuo. Si piange per dolore e per disperazione. Per tradimento o per delusione. Si piange e si odia dimenticando chi amiamo e nonostante tutto continua ad essere in noi. Il senso dell'esistenza  è racchiuso nel ricordo che ci mantiene in vita attraverso  chi verrà dopo di noi. Si è  eterni nel ricordo.

Chi è la Madre se non la figura a noi eterna odiata, ripudiata e mai realmente onorata? È la vita, più che fonte di vita. È colei a cui rispondiamo a volte selvaggiamente e che pure ci fa vedere dentro e oltre e comprendere la differenza tra memoria e ricordo.

Nel tempo i ricordi li confondiamo con i sogni. Rinasciamo attraverso noi nella patria natia della nostra anima evolutasi grazie agli archetipi. Nei ricordi ci riconciliamo con noi stessi e con l'amore dato. Nei sogni ci purifichiamo e chiediamo perdono a chi è trapassato e ha assunto un volto eterno. Il volto della vita stessa.

Nel tempo, varcata la soglia dei cinquant'anni, nei sogni riviviamo l'infanzia adulta colma della solitudine di chi si è lasciato indietro esperienze perdute e prova rammarico. Ci di ritrova esiliati, mendichi di quell'affetto respinto o rinnegato. Vogliosi di quella carezza mai riconosciuta o ammessa a se stessi o mai data. Nei sogni ritroviamo la gratitudine persa per strada e la stanchezza che diviene velo di malinconia lattiginoso che ci avvolge e non ci lascia stare.

Ci ritroviamo nell'uovo e descriviamo noi stessi nella cavità dell'abbraccio mancato. Vorremmo volare e ci ritroviamo ripiegati sotto un cielo gravido di sofferenze. Chiediamo scusa nel silenzio di una casa vuota in cui è solo la nostra anima ad ascoltare e a raccontare.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001