Su di me, il peso delle fragilita'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Su di me, il peso delle fragilita'

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Su di me, il peso delle fragilità
Su di me, il peso delle fragilità

 

Oggi avrei da piangere e tanto. La tenerezza di un gatto mi tocca sempre, nonostante o forse perché come un gatto, da pochi mi sento compresa. E non so come rispondere o difendermi dalla meschinità del mondo. È delle anime belle, umane o animali a prescindere, ripiegarsi in sé per il dolore o per pregare.

È questa discordante coincidenza a intenerirmi e a far sì che dentro di me i lacci delle resistenze si sciolgano. E allora, quando ciò accade, mi sento parte della vulnerabilità racchiusa nel cuore di ogni cosa.

Cos'è la vulnerabilità se non una forma di tenerezza? Un richiamo e un invito alla calma che si fa tatto del cuore? Forse la più spietata per chi parte all'attacco e sente di approfittarsene. Il verbo "sentire"... può indicare una forma di accesso in punta di piedi nella sensibilità dell'altro, oppure, al contrario, in chi è un bruto, lo scatto a infierire e a demolire chi è indifeso. La fragilità e il suo sentire... la porta verso il cielo, se si è immersi in uno splendido contorno, altrimenti il fuoco dell'Inferno che fa urlare e anche forte, finché qualcuno non senta da dove si trova, immerso nelle foreste dell'Universo e ci venga a salvare.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001