La preghiera tra Magia e realtà
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La preghiera tra Magia e realtà

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
La preghiera tra Magia e realtà
La preghiera tra Magia e realtà

 

La preghiera ha tanti poteri. Tra tutti quelli che le competono, consideriamo esclusivamente il potere della guarigione. In tanti si accorgono dell'importanza di pregare o ancor più, di avere una fede, durante le avversità e utilizzano la preghiera come mezzo con cui avanzare richieste. Quella della salute innanzitutto.

La preghiera oggi è confinata a sparuti momenti durante la giornata e sempre più acquisisce carattere mnemonico. Ripetiamo a pappagallo parole e formule mentre con la testa siamo da un'altra parte. Altro elemento da non sottovalutare è quello che fa essere la preghiera occasione di aggregazione e incontro per chi soffre di solitudine.

Si prega spesso partecipando a riunioni o a gruppi di preghiera convinti che la coralità potenzi le richieste, eppure nulla di fatto accade.

Un tempo i miracoli erano l'ordinarietà. La scienza odierna che tende sempre più a una visione frammentata dell'individuo, nega la potenza taumaturgica della preghiera che si esprime anche mediante l'autoguarigione. Sono stati spesso declassati a voce di popolo ignorante gli esempi che invece attestano importanti guarigioni accadute nelle culture più disparate per mezzo della preghiera.

Casi di guarigioni assurdi eppure successi realmente sono stati fatti passare come l'effetto di un'autosuggestione o un'allucinazione di massa.

Cosa è cambiato con la modernità sopraggiunta? È successo che l'uomo ha disimparato a chiedere perché ha perso il contatto con il soprannaturale. Il grande servizio tra i tanti resi che mostra la potenza della preghiera è proprio quello di mantenere vivo il ricordo sul quale poggia la cultura di appartenenza.

Abbiamo nel tempo dimenticato di appartenere a Dio e abbiamo sostituito le forme di spiritualità con una fiducia smoderata e sproporzionata nella ragione e nella scienza. Siamo convinti che un vaccino non sperimentato a dovere faccia miracoli, e abbiamo dimenticato il valore taumaturgico delle parole. Quali le conseguenze? Innanzitutto il disorientamento psichico. La preghiera ci riporta al centro di noi stessi. È il canale preferenziale della relazione uomo Cosmo. La preghiera fa sì che le cose accadano e governa lo spazio-tempo.

La preghiera è un richiamo a noi stessi e al nostro senso di responsabilità verso noi stessi e il mondo. In un mondo che santifica la scienza, il Cosmo e la Natura diventano niente e lo vediamo dalla scarsa considerazione che rivolgiamo all'ambiente. Se vogliamo che una supplica si realizzi, dobbiamo tornare ad essere sovrani di noi stessi e ad armonizzare le nostre singole parti. Ricomporci per ritrovare Dio dentro e fuori di noi.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001