Sull'etica della completezza
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Sull'etica della completezza

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Sull'etica della completezza
Sull'etica della completezza

 

Esistono persone che si vestono da vittime allo scopo di guadagnare consensi. Il rispetto va meritato. Questo discorso è valido per tutti e andrebbe condiviso ovunque dal più piccolo al più grande luogo.

Riteniamo troppo spesso per l'assurdo merito d'essere qui nel mondo che tutto sia per noi perché in qualche modo meritato. Ebbene, non è così. La giusta lettura è proprio al contrario. Siamo qui e troviamo già tutto dalla nascita affinché quel senso di completezza che dentro di noi si traduce in bellezza ci spinga a creare in funzione e nel rispetto dell'ordine precostituito. L'ordine che è il giusto verso del Cosmo, noi lo traduciamo in tutto ciò che di positivo esiste e il saper leggere e interpretare il giusto ordine ci spige a lavorare e a lasciare tracce di noi ai posteri.

Il rispetto è rispetto dell'ordine innanzitutto. Il resto è forzatura. Oggi ci si adopera nella logica della diversità pensando di apparire geni creativi, invece si decade a menestrelli del pessimo gusto. Manca la responsabilità dell'individuo che calca il suolo della propria affermazione e in tal logica si diventa apripista screditando il precostituito. È questa una operazione sottoculturale che va a sfavore del merito e lo boccia, portando consensi a chi si arroga il diritto di gestire le vite altrui.

Che diritto ha l'uomo civilizzato d'interferire nel cammino di un popolo? Chi ha il diritto di pensare nei termini della felicità partendo e isolando dal resto la propria visione delle cose in base alla propria esperienza di vita?

Chi è l'uomo per traslare e trasferire e decidere chi far vivere e chi far perire? È una logica malsana questa e non può essere definita scienza in quanto opera per la deformazione del corso universale. Dovremmo smettere di imporre vie e sistemi formativi. Che ogni pianta si cerchi la luce puntando su se stessa e non elevandosi sull'impegno e sul sacrificio di altri.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001