Dall'oblio alla dissoluzione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Dall'oblio alla dissoluzione

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
William Blake - Blake Oberon, Titania und Puck mit Tanzende Feen
William Blake - Blake Oberon, Titania und Puck mit Tanzende Feen

 

Dove dimorano i personaggi delle fiabe? Dove dimora ciò che incanta e per i più non è mai esistito?

In quest'epoca buia dominata dalla menzogna, tutto ciò che ci ha fatti respirare in passato, dalla buona musica alla letteratura di sogni e umanità sembra essersi dissolto. La sepoltura che ha contraddistinto il passaggio a nuove epoche, pernettendone la successiva riesumazione, oggi va incontro a un fatto nuovo che va oltre l'oblio e che io definisco vera e propria dissoluzione. Perché questo?

L''umanità semplice fatta di accordi per nulla fragorosi che costellano l'esistenza dei personaggi fiabici, oggi è abbattuta da una non umanità fatta di tenebre e di preclusioni. Alle qualità umane smantellate si aggiunge lo smantellamento dei presupposti al coraggio di agire che smuove nel silenzio le creature del sottobosco e di tutto il repertorio culturale sensibile e fantastico.

Se nei miti lo straordinario è legato alla lotta efferata per il conseguimento di un obiettivo che vede la morte delle spoglie della mediocrità umana in vista di ideali superiori che andrebbero a impiantarsi nella società per una umanità migliore, quindi profondamente umanistici, nel repertorio fiabico tutto scorre nella corrente del tempo e quanto l'uomo incontra di straordinario, è presente ma al di sopra delle percezioni comuni. Siamo noi ad attrarre il fantastico se in grado di coltivarlo. E per coltivarlo si ha bisogno quell'afflato che lega l'esistente sensibile ai sensori della sensibilità individuale.

Occorre essere magici oer attrarre il magico ed è quanto il Comunismo in tutte le sue espressioni ha di fatto abortito o soffocato del tutto.

Il respiro magico delle cose ha sempre aiutato l'uomo a perfezionarsi uscendo da se stesso e a lui stesso facendo ritorno. Noi oggi siamo fuori dal tempo ciclico delle cose e siamo più che in altre epoche precipitati in un'ordinarietà frammentata, fatta di episodi di entrata e di uscita dalle condizioni di apertura agli altri, o meglio, in una nuova ordinarieta' che priva della disponibilità verso gli altri, recidendo così i legami con tradizioni e cicli di cambiamento inscritti nell'ordine della Natura.

All'ordine sacro si va imponendo un ordine marziale terapeutico, educando a un senso di lotta contro la tradizione e contro noi stessi.

Le creature fiabiche sono soffocate insieme al loro corredo simbolico ed è questa una tragedia che angoscia e fa tanto rumore negli animi più sensibili. Non può esserci concretezza che non venga ispirata dalle sorgenti sacre e misteriose che abitano la nostra legenda emozionale più antica. I nostri avi dimorano nel santuario sacro delle cose che noi andiamo debellando, offendendo Dio e profanando il Creato.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001