Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Mar, Nov
0 New Articles

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La psiche e i processi di trasformazione della lingua

La psiche e i processi di trasformazione della lingua

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Si insegna agli altri dopo aver imparato da se stessi.

La psiche e i processi di trasformazione della lingua
La psiche e i processi di trasformazione della lingua

Apprendiamo e insegniamo attraverso il riflesso di uno specchio magico che ci riporta a noi stessi. Il confronto con se stessi è il più elaborato. Si apprende e si insegna mettendo a nudo la propria parte in ombra. Ciò che non vorremmo, diventa il nostro maestro.. Nell'epoca della spasmodica velocizzazione, siamo sovente catapultati nel vuoto, senza riuscire, volenti o nolenti, a elaborare confronti. L'altro non c'è, assorbito dalla società delle generalizzazioni che fa del consumo rapido il proprio assioma esistenziale. La frenesia divora i meccanismi della riflessione e con essi l'eleganza della discrezione. A risentirne è il linguaggio incardinato su regole fisse che ormai stanno saltando. La comunicazione diretta offusca i preamboli significativi per chi è poco avvezzo agli affronti e resiste alla spudoratezza di una civiltà che non ha a cuore l'intimità.

La grammatica sta allentando il suo rigore e, a farne le spese, è soprattutto il modo congiuntivo.Il congiuntivo è il modo della discrezione e riservatezza. E' naturale che in un'epoca caratterizzata dallo spiattellamento compulsivo di ciò che atterrebbe alla sfera privata, sia in via di estinzione. Non è di oggi ritenere la lingua di appartenenza dipendente dagli ingranaggi della società di cui assorbe ogni pulsione trasmessa. La lingua respira, è viva e assorbe gli umori della comunità che tramite essa si riconosce a casa. E' un organo e in quanto tale evolve ed involve di pari passo ai costumi e alle tendenze della fetta di umanità che tramite essa comunica e si interrelaziona. Periodi brevi, espressioni dirette, introduzioni inesistenti o fittizie sono di supporto a uno sgradevole modo di interloquire che offende il soggetto e aizza il branco. L'individuo annaspa e si riavvolge se stesso, fagocitato dal sistema. Lingua e linguaggio sono le spie di un malessere diffuso che si scarica sul singolo alimentando un cortocircuito dal quale, se debole, egli ne esce sconfitto. Lingua e linguaggio sono valvole di accesso a una coscienza lacerata da condizioni di disagio che sfociano in psicosi e nevrosi.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2