Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 66 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

L'arcano della conchiglia e la voce interiore

L'arcano della conchiglia e la voce interiore

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Dio ogni giorno si offre al mondo nella forma di una conchiglia. Una conchiglia ogni giorno e' l'alba che si schiude.

L'arcano della conchiglia e la voce interiore
L'arcano della conchiglia e la voce interiore

La bruciante ferita del giorno che nasce ci riconduce al risveglio della vita. E' un rito naturale che si compie dalla notte dei tempi e riporta all'orizzonte il senso e il mistero del nostro essere qui, sostanza terrena che aspira al cielo. Dalla piaga della notte spuntano cielo e terra in un fragore tumultuoso che si accende di luce e infervora gli ultimi scampoli di buio.

Non c'e' dolore senza distacco e viceversa.

L'orizzonte sparisce nella vacuita' del sole separando le due parti che diventano isole di una sostanza lontano dalla quale noi ci disperdiamo quotidianamente. Le cosmogonie traggono spunto da questo incontro che si conclude col parto del sole. In relazione a tale rito la diade rappresenta la dimensione terracquea in connubio con lo spazio celeste. O anche il solido con il respiro che aleggia sulla materia. Il materico si nutre delle spire del cielo, cosi la conchiglia dei flutti marini. I fiori, i frutti e la scenografia del pianeta traggono vita dal vento che disperde e sazia e popola. Il piano dell'orizzonte e' il punto sacro d'incontro, la curvatura che mescola gli umori in uno scintillio che stordisce e riporta al sogno della vita. Si nasce dormienti per svegliarsi in un onirismo che ritualmente prende vita offrendosi alla vita.

Il simbolo della conchiglia universalmente noto lo si comprende ancor piu' se letto in un contesto sacro. Sui frontoni delle chiese, a sostegno delle acquasantiere, a guardia di pinnacoli e colonne e' un richiamo a rinascere nella piena consapevolezza che la vita scorre sul quotidiano dissacratore e svilente i nostri piani stellari e l'oceano interiore. Nel silenzio di uno spazio sacro, noi ritorniamo figli della notte progenitrice e di quella dimensione che nell'arco diurno sacrifichiamo in corsa tra mille affanni e ritroviamo invece, a conclusione del nostro percorso giornaliero, quando la vastita' del cielo si placa e le lacrime della nostra anima piu' antica si sciolgono come perle di rugiada. Col tramonto ci caliamo nei nostri spazi interiori, nel silenzio maturiamo la nostra essenza.











Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2