Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Lun, Ago
0 New Articles

Abbiamo 519 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

L'estate e i riti del fuoco

Image mental alchemy by Ralph M. Lewis

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In contrapposizione all'inverno, tempo di attesa del risveglio primaverile, l'estate e' la stagione che piu' di tutte e' legata alle profondita' degli elementi e al lavoro delle energie femminili.

Image mental alchemy by Ralph M. Lewis
Image mental alchemy by Ralph M. Lewis

 

L'estate e' il miraggio di una eternita' invincibile che sembra tradursi in realta'. E' l'inganno del mondo superiore reso tale dalla presenza imperante della luce che pero' dal 22 giugno incomincia a declinare. Estate tempo di arsura e di putrefazione.. La stagione del fuoco reca con se' secolari tradizioni che contengono codici prelibati per la lettura e interpretazione di cio' che sta al di sotto, nelle viscere della terra. Simmetricamente al sostizio d'inverno anch'esso in corrispondenza della festivita' di San Giovanni, il solstizio d'estate indica il passaggio verso la spiritualita' astrale punteggiata di stelle, le primordiali fiaccole del firmamento utili alla mappatura dei periodi agricoli e a indicare la rotta ai naviganti. L'orizzonte e' il luogo di mezzo, al di sotto del quale si svolgono le attivita' illusorie perche' transitorie, obbedienti ai sensi esterni, mentre la ricerca dell'imperituro avviene nelle interiorita' rappresentate dagli inferi.

Il fuoco e' il grande mago che distrugge cio' che e' apparenza, l'abito delle cose e permette la trasmutazione alchemica della sostanza in altre forme. Lo zolfo garantisce l'esecuzione dei riti di scomposizione e ricomposizione all'interno dei processi naturali mai svelati dai Grandi Iniziati e Maghi del passato. Il fuoco brucia e si fa festa. Le stoppie in aperta campagna urlano e lanciano al cielo i loro lapilli zampillanti. E' un omaggio suggestivo rivolto alla calotta del firmamento che tutto racchiude, i misteri della percezione reale e l'ammissione al Vero attraverso l'unica porta di uscita dalla ruota del sole e dalla cultura del Tempo. L'occhio solare indica l'uscita dal Cosmo, obiettivo delle Grandi Iniziazioni, rapportate al solstizio invernale.. La lode a Dio si solleva dai campi estivi e va a sposare gli astri nella notte di San Giovanni Evangelista in cui, in Calabria,le antiche comunita' rurali sono solite dare vita a un asino di stoppie fatto bruciare scoppiettando nelle piazze o nelle contrade. L'asino,compagno inseparabile del contadino, entrato nel folklore per la sua bizzarria e dotato di straordinaria memoria, rappresenta la ritualita' della cultura rurale che sopravvive nel tempo e alle ragioni di mutamento.

E' l'emblema di una cultura non ancora sommersa, espressa nei riti precristiani dell'area mediterranea rivisitati e riadattati dall'avvento dell'evangielizzazione che ha portato le comunita' preesistenti a levare lo sguardo al cielo, distogliendolo dai culti misterici legati alla terra. La festa della Madonna delle Grazie ad Aiello Calabro l'1 e il 2 di luglio riconsidera il fuoco come elemento celete e non patrimonio prezioso della terra. L'energia femminile viene ad essere depotenziata e subordinata alle energie accentrate nell' unico Padre che attraverso la discesa del Figlio garantisce la luce eterna. Il rito di orlare le colline circostanti di fiaccole, vuole delimitare un territorio dal fascino ancora selvaggio e incontaminato, nonostante il Cristianesimo sopraggiunto abbia esercitato il suo imprinting. Nella sera del primo luglio la grazia della Madonna e' la risposta del Padre alla lode della terra. Dio, lo sposo celeste della Grande Madre l'accoglie, dirottando verso l'alto l'attenzione.L' eemisfero terreno appare cosi, un riflesso transitorio della geografia cosmica e della sua dimensione imperitura.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Zanox
Banner luglio prezzo minimo garantito Image Banner 750 x 350
article-botton
Annunci AdSense
art-bot
Annunci CT Partner
article-botton

Seguici anche su Facebook

Annunci Zanox
Banner luglio prezzo minimo garantito Image Banner 240 x 400
sidebar
Annunci Zanox
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
home 2
Ti potrebbero interessare anche:
home 2
Annunci AdSense
home 2
Annuci CT Partner