Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Mar, Nov
0 New Articles

Abbiamo 53 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La pazienza e gli orizzonti dell'attesa

La pazienza e gli orizzonti dell'attesa

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Diversamente da quanto siamo soliti ritenere, attendere non e' pretendere.

La pazienza e gli  orizzonti dell'attesa
La pazienza e gli orizzonti dell'attesa

L'attesa prevede una condizione di concentrazione che e' di preambolo alla crescita. L'attesa e' un invito rivolto alla meta che vogliamo ci venga incontro. E' espressione di quel sentimento di Fede che ci realizza nella vita. Attendere e' sperare , dal Sancrito "spa" che significa proprio tendere alla meta. Affinche' cio' avvenga dobbiamo modificare noi stessi, ammansire la nostra solidita'. Cambiare di livello la nostra consistenza materica e' un'operazione che spesso effettuiamo sconsideratamente, entrando in contatto con l'esterno non empaticamente ma in modo molto superficiale. Ci rendiamo malleabili e plastici spesso, quando e addove non dovremmo, modificando la nostra densita' energetica.

Oggi la pazienza e' considerata una qualita' fuori moda. "Il tempo e' danaro" dice tutto sul nostro modo di relazionarci a questa variabile che ci ha presi in possesso. Il tempo lo misuriamo in varie grandezze alle quali facciamo corrispondere un utile. Il tempo, quello scorrere lento, scandito dal cuore si e' andato via via alienando fino a divenire un'astrazione onnipresente che non cadenza la nostra esistenza emotiva, bensi' la annienta. Eravamo soliti misurarci con i grandi in passato, poeti, artisti e mistici, alquanto rari quest'oggi e nonostante lo sfruttamento arbitrario e selvaggio della Natura, amiamo apprendere dagli animali il loro tempo lento. Ci confrontiamo con i gatti che respirano ancora lontani dalla frenesia.

Straorinari nella loro ordinarieta' appaiono al nostro sguardo estraniato perche' corrotto dalla furibonda e selvaggia esistenza che non ci fa piu' essere sul piano emotivo. Ci scomponiamo e ricomponiamo con l'arroganza di pretendere scavalcando lo stato dell'attesa che e' un vero e proprio stato di grazia capace di trasmetterci tanto in un percorso in salita. Siamo penetrabili dentro e altrettanto impreveibili nelle nostre azioni scollegate dall'anima. Il tatto, l'apprendimento dei sensi non esiste piu', sconquassati come siamo da un'ordinarieta' metodica e consumistica che ci rende chiavi del Dio potere. Ci scomponiamo per diventare sempre piu' solidi e lasciamo che l'attesa ci consumi senza renderci vivi.

L'attesa e' speranza e non accanimento. E' richiamo e sollecitata concentrazione che si solleva chiara da dentro e dipana la nebbia. Al di la' di cio' che e' giusto e sbagliato c'e' lo sterminato campo dell'umilta' che addolcisce la roccia e ci rende friabili allo sgorgare della fonte. Guardiamo in avanti e vediamo sorgere sulle labbra l'amore. Attendere e' avere gli occhi rivolti a quel qualcuno che abbiamo in noi stessi.







Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2