Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Mar, Nov
0 New Articles

Abbiamo 62 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Il sogno d'amore e la dimensione amorosa

Marc Chagall (1887-1985)- Les amoureaux au Cap-Ferrat

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'oggettivita' di un sogno passa attraverso il doppio aspetto con cui all'interno di esso siamo presenti. Ogni sogno consta di un aspetto soggettivo e di un altro oggettivo.

Marc Chagall (1887-1985)- Les amoureaux au Cap-Ferrat
Marc Chagall (1887-1985)- Les amoureaux au Cap-Ferrat

 

All'interno dello spazio da noi creato siamo attori e al contempo spettatori. E' questo secondo aspetto a far si' che il sogno non sia fine a se stesso, ma un mezzo spontaneo di crescita e guida oltre i confini percepiti nella realta' quotidiana. Il sogno e' liberta' e sconfinamento e come tutto cio' che trae ispirazione dalla liberta' e ad esso fa ritorno, ha significati e attribuzioni ai quali non sempre riusciamo a dare il giusto valore.

Il sogno e' tensione verso il superamento di ogni barriera e per questo grande risalto ha nella cultura inconscia il sogno d'amore. L'oggetto d'amore non sempre trova espletamento in una storia condivisa, in una relazione che appaghi entrambi. Spesso rimane confinato a quella sfera priata che lo assorbe e cinge dai sospetti del mondo. La dicotomia sogno realta' e' alla base della cultura cortese facilmente manovrata dai giochi d'interesse. L'incapacita' di potersi estendere fino a compenetrarsi con l'oggetto del proprio amore ha scatenato brillanti esempi di letteratura in un tempo in cui l'educazione e la formazione si accompgnavano a una docilita' forzata atta a impedire la trasgressione ai confini imposti. La letteratura cortese e' strettamente connessa al sogno inteso come liberazione e si e' costruita sui principi alchemici legati alla magia di cui si e' sempre nutrita. Filtri amorosi, pozioni e veleni non sono un semplice contorno suggestivo alimentato dallo scopo di rendere appetibili le trame, ma rivelano sul piano inconscio il bisogno di liberarsi dai dettami imposti e dalle catene che impedivano a uomini e donne di allora di poter abbracciare il loro sogno.

La letteratura cortese ha esercitato il suo fascino percorrendo i secoli perche' si erge sulle problematiche circoscritte epocali. Irrompe col suo bisogno di umanita' che rende sacro l'universo dei sentimenti e ci accosta a Dio. Volo e redenzione sono i capi saldi che compongono la dimensione amorosa trasfusa in saghe e poemi epici in cui e' la donna il centro propulsore del sogno, investita di quell'aura magica che il sogno come controparte della vita concreta possiede. Magia, incanto femminile ed eroicita' sono i pilastri di un genere letterario che spesso si scontra con la vigliaccheria dettata dall'incapacita' di riuscire a realizzarsi a tutti i costi anche nella vita amorosa. La letteratura cortese non e' quindi un filone modaiolo, ma trasfusione e superamento dei limiti. E' ricerca di quello spirito avventuroso nell'uomo che amplifica i suoi aspetti piu' umani. E' l'avvento del superomismo che riporta non Dio al centro degli orizzonti umani, bensi' l'uomo con i suoi attributi di sacralita'.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2