Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 60 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Il caso e la morte

Il caso e la morte

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Verità è luce che splende ed è sinonimo di Vita.

1819 - Paolo and Francesca - Musée Turpin de Crissé, Angers, France
1819 - Paolo and Francesca - Musée Turpin de Crissé, Angers, France

 

La Verità va oltre noi stessi ed è l'involucro che contiene, la placenta di ogni forma in essere. La Verità pertanto divora il tempo in tutte le sue accezioni. Di conseguenza l'amore non può essere che fonte di Verità e si afferma come esigenza in quelle epoche dove è particolarmente acceso il dissidio con la volontà espressa dalla società. La Verità diviene qui ricerca ultima ed esigenza primaria con cui contrastare la pressante presenza della morte.

Le regole non prodotte dal cuore comportano un allontanamento dalla Verità e offrono sostentamento e consistenza alla morte. Le tendono la mano scatenando meccanismi che sospingono l'individuo incontro a ogni forma di dissoluzione. La Morte è cecità perché alberga nell'ignoranza che è la negazione della Verità.

Nella tradizione cortese in cui l'esistenza del singolo era incesellata nei rigidi dettami della buona condotta aristocratica, la dicotomia vita-morte, amore-dovere era molto avvertita, così come l'esigenza di catapultarsi nella dimensione del sogno illuminata dalle scelte del cuore. L'amore ideale è impossibile da sconfiggere e diviene emblema dell'alleanza eterna che pervade ogni campo e sconfina dal rapporto privato tra uomo e donna. L'amore cortese non è quindi canto liberatorio o ricerca di quella purezza negata nella sostanza terrena. E' l'immortalità di fatto negata dalla complessità di scelte forzate. La morte s'insinua sotto le spoglie del caso che porta alla scoperta gli amanti clandestini destinati a godere della luce nell'ombra. Il caso quindi è l'intralcio operato dall'uomo che a sua volta è strumento di potere in mano alla morte che con gravità interviene a porre fine all'idillio tra i due amanti.

Il caso, come gli episodi di Paolo e Francesca e di Giulietta e Romeo insegnano, è il trofeo impugnato dalla storia sociale che tende a fare il suo corso operando di generazione in generazione attraverso giochi di finzione. La morte in conclusione è il prodotto di un'umanità che non si lascia guidare dalla Luce e persevera cieca nella sua ignoranza.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2