Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Lun, Nov
0 New Articles

Abbiamo 145 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La civilta' dei popoli e l'infanzia degli dei

La civiltà dei popoli e l'infanzia degli dei

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Analizzare le evoluzioni culturali e sociali di un popolo partendo dallo studio delle religioni che lo riguardano è un'impresa ardua ma capace di condurre a risultati stupefacenti.

Alfonso Osbert - sotto un raggio di luna 1895
Alfonso Osbert - sotto un raggio di luna 1895

 

I pantheon piu’ conosciuti rimandano alle civiltà mediterranee,  in particolare a quella greca e romana,  in modo più approssimativo a quella egizia, nonostante questa sia ben piu’ antica. Il credo monoteista assume delle peculiarita’ e  una configurazione di Dio che, per quanto incorporea, appare ben marcata e incisiva, al punto da indicarci un sostrato culturale maturo. Il dio monoteista e’ accerchiatore di qualita’ che vanno al di la’ delle singole e alquanto irrisorie problematiche umane. E’ inclusivo e comprensivo di tutto, anche tiranno, al punto da forgiare il suo popolo su principi tradotti in ubbidienza e obbedienza. La potenza dell’unico dio fa da sprone a  traguardi socioculturali di grande rilevanza che si traducono, come possiamo ammirare nel mondo arabo, nell’amore per la ricerca che sconfina dal naturalismo e abbraccia piu’ campi scientifici e filosofici.

il dio unico, paterno e altresi’ nemico verso chi non si attiene alla sua legge, per quanto a volte severo e vendicativo,  non lascia trapelare vizi e virtù tipici presenti nelle divinità delle religioni politeiste del bacino mediterraneo. Lo slancio trascendentale che contraddistingue l’antico popolo egizio pure avvezzo a lusso e prestigi,  comporta delle rilevanti differenze dalle  altre culture mediterranee. Per quanto gli dei egizi fossero interessati  e coinvolti dA sentimenti affini a quelli umani, quali gelosia e vendetta, sembra quasi che l'alone di mistero che li circuisse li rendesse meno  coinvolti dalla dimensione terrena. La radice degli studi alchemici riconducibile alla cultura egizia, cosi’ come una raffinata conoscenza delle arti magiche da applicare alle teorie di passaggio tra i due mondi rendono il pantheon egizio di una raffinatezza unica, tale da ripercuotersi nella ricercata espressione estetica.

 Il pantheon greco e romano invece è focalizzato più sul mondo. Per quanto entrambi i popoli greco e romano avessero raggiunto livelli di civiltà ben noti, sembra esservi una marcata contraddizione, piu’ che una semplice discordanza, tra la sfera degli uomini e quella divina. Gli infantilismi che caratterizzano le divinita’ dei popoli in questione  richedono nuovi approcci al tema teologico. Gli infiniti spazi celesti sono uno schermo osmotico  riflettente le attività di pensiero umane che ricadono a loro volta sulla terra. Gli dei non sono che  detonatori di pregi e difetti umani amplificati dalla loro imperturbabile potenza. Ogni superficie d’acqua diviene quindi strumento speculare capace di filtrare attraverso l'estetica fisica canali di corrispondenza tra il grande mondo degli dei e il piccolo continente umano. La contemplazione di se’ e della propria belkezza apre a scenari psicanalitici di grande interesse che contempliamo in particolare attraverso il mito di Narciso.

L’immagine riflessa nello stagno offre un suggestivo scorcio di bellezza divina in quanto immutabile, avulsa dai sentimenti capaci di filtrare e ottundere il principio oggettivo di estasi estetica. Narciso s’innamora di se stesso, rapito dalla propria immagine che ne risucchia i contenuti. Egli per tale ragione diverra’  presso i poeti maledetti di fine Ottocento prelibata rappresentazione dell’artista, capace di riverberare di infinito nella sfuggenza del tempo e di cogliere nell’istante del fuggevole presente quell’apparente serenita’ scippata dall’implacabile tramonto della giovinezza.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2