Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mar, Ott
0 New Articles

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La tradizione e l'arte di tramandare

La tradizione e l'arte di tramandare

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il ricordo e il sogno nell’oceano interiore si confondono. Entrambi comunicano ma secondo processi inversi. Il ricordo spinge dal cuore e risale a risvegliare in noi esperienze addormentate, mentre il sogno compie il percorso inverso riconsegnandoci a un luogo nostalgico, non ancora abitato.

Carlo Carrà - Costruttori (1949-1950)
Carlo Carrà - Costruttori (1949-1950)


La nostalgia e’ una compagna fedele che nutre di malinconia. E’ uno stato dell’essere fondamentale in quanto ci fa uscire da noi stessi per renderci compartecipi della nostra essenza motrice, del luogo di partenza e dell'approdo finale. Non a caso l’Esistenzialismo venato di poesia ci ricorda la dimensione pulsante dell’Essere che vibra di qualcosa oscurato nella dimensione reale e concreta che appanna gli occhi immergendoci nella quotidianita’. Ci tingiamo di azzurro cielo bagnati di stelle lucenti che risorgono come lacrime mosse dalla nostalgia per aver lasciato la patria d’origine prima che venissimo al mondo.

La vita in terra è un continuo approdare a mete fittizie che ci costruiscono e demoliscono al tempo stesso i ricordi vaganti, risollevando il bisogno di ritornare nella valle primordiale che ci rilascia l’impronta  tramite archetipi e poi simboli.
L’arte di tramandare attraverso il patrimonio della tradizione tende a un rinnovo continuo del sentimento di nostalgia velato nella contingenza e mai negato. Tradizione, dal latino ‘tradere’ vuol dire infatti  ‘consegnare’. Intrinseco alla parola tradizione e’ l’atto di donare alle generazioni di domani quanto imparato e allo stesso tempo salvato. Il patrimonio di miti e credenze lotta contro l’estinzone delle civiltà che parlano degli albori legati alla conoscenza del mondo nella sua semplicità. La liberta’ individuale si esprime nella volonta’ di imitare, ritagliare e ritrarre dettagli tramite i quali ricondursi alla patria negata qui, in questa realtà dove abbiamo il dovere di scrivere, salvare e trasmettere con i mezzi espressivi più consoni a ciascuno, affinché sopravviva il senso di nostalgia per ciò che ci attende nello stesso porto da cui siamo partiti.

I miti classici parlano di sentimenti velati e traditi durante l'avventura umana in cui ci si smarrisce col fine di ritrovarsi interi e spogli di  tutto, fuorché di se stessi. Il bisogno di integrità si esprime nelle storie e nell'arte che tocca vari insiemi della cultura pratica. Dal costruire al suonare, dallo scolpire al dipingere e così  via, avvalendosi sempre della stessa necessita’ di tramandare. La cultura siamo noi che obbediamo, uniformandoci,  ai sacri insegnamenti filtrati da coloro che hanno appreso la configurazione anche matematica della realtà, rendendo questa quindi fruibile e plasmabile. Gli artigiani sono tutti mastri, maestri di acquisizione e trasmissione e su di  essi si fonda la traduzione plastica e pratica della visione del microuniverso. Imparare a muoverci nel microuniverso per poi ritrovarci a casa, una volta salpati dall'ultimo porto, ci  consentira’ attraverso la corrispondenza tra il piccolo e l’infinitamente grande di ritrovarci oltre questa vita, nella nostra reale patria da cui proveniamo, e di riambientarci senza fatica, educati in questa vita dal sentimento ovattato e sfuggente della nostalgia.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2