Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 79 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Estasi, sensibilita', stupore

Estasi, sensibilita', stupore

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Abbiamo bisogno dello stupore per penetrare le sfoglie della vita e carpirne i segreti. Lo stupore si perde con l’assuefazione all’abitudine e il cedimento  totale alla ragione.

Scala di Giacobbe, affresco di Raffaello Sanzio, Stanza di Eliodoro Musei Vaticani, (1511)
Scala di Giacobbe, affresco di Raffaello Sanzio, Stanza di Eliodoro Musei Vaticani, (1511)


Si nasce completi e  con l’andar del tempo si perde quella purezza magica, a mano a mano che ci si lascia sedurre dai labirinti della vita. Cio’ che chiamiamo ragione o logica o lume della conoscenza, in realtà è dispersione. Ci sono mondi che la mente ignora e il cuore vede e contempla. “La mente mente” è questo un celebre pensiero di Giordano Bruno, il filosofo dei legami e del Tutto. Questa dimensione non è che una goccia dell'infinito, che contiene a sua volta l'infinito. Siamo infiniti, diceva ancora il filosofo Bruno.  I parametri della matematica accademica vengono demoliti da ciò che alla ragione (dal latino Ratio=porzione) appare un'assurdità inconcepibile e inammissibile. Eppure la Fisica nutrita di filosofia trascendentale ormai si apre ad altre visioni esplorative ed inclusive.

I bambini sono gocce di infinito che possiedono al loro interno la completezza frutfo di vite passate e risalite al Cielo.L'apprendimento scaturito dalla sensibilità come  confronto e mezzo di acquisizione del Reale apre all’unicita’ di ogni singolo caso. La sensibilita’ e’ nemica dei processi di generalizzazione che ahime’ oggi prendono il sopravvento su tutto e con la globalizzazione minano quanto non risulta omologabile e quindi gestibile, a incominciare dall’identita’ stessa. Siamo figli della completezza e ad essa faremo ritorno. Non tutti, solo coloro che non smarriranno se stessi, concependo ogni tappa un momento singolo nell’arcipelago definito di esperienze.

La pienezza dell’estasi ci lascia al momento della nascita, ma solo chi e’ capace di stupirsi perche’ dotato di sensibilita’ puo’ riviverla grazie anche all’arte, alla musica e non solo. La Magia non puo’ che essere concepita come altro rispetto alla rottura del mondo fittizio e apparente. Essa, nel momento in cui si rivela, ci trasla fuori dal tempo, in quella dimensione di totalita’ ed estraniazione di ritorno. In questo la dimenticanza acquisisce un volto nobile e un significato essenziale. Con l’estasi concepita dall’estetica dimentichiamo noi stessi per scorrere nella fluidità interiore. L'arte esplica in ciò la sua radice di verita’ (rt) ed è la via attraverso il mondo che ci ricolloca fuori dal mondo. L’arte ci permette di gustare la vita nel suo fremito sfuggente. Siamo qui ora, ma apparteniamo al Tutto e attraverso l’estasi estatica ritorniamo al nucleo originario.

Il simbolo della Scala ha in questo discorso una rilevanza cruciale. La stessa scala ci consente di salire e scendere tenendo in vita il contatto con le sfere superiori (la famosa scala di Giacobbe tramite cui salivano e scendevano gli angeli). La scala unisce i mondi e ci riporta al centro di noi stessi (la scala a chiocciola) ricordandoci l’uscita dal tempo che e’ il fine ultimo della  nostra Esperienza, espressa sul piano orizzontale tramite il movimento dall’esterno verso l’interno e il suo contrario, sottolineando la rinascita dell’essere e la sua espansione infinita che apprezziamo nella genialita’ di Leonardo.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2