Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 27 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Il Destino e l'intreccio con Dio

images/stories/lafinestrasullospirito/1-news/1-articoli/2018/Albert-Joseph-Penot-Bat-Woman-1890.jpg

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Negare l’esistenza del Destino equivale a negare l'esistenza della volonta’ di Dio. Dio si esprime attraverso il Destino che contrariamente a quanto si creda riguardo al Karma, non ha valore punitivo

Albert Joseph Pénot: Bat Woman (1890)
Albert Joseph Pénot: Bat Woman (1890)

 

Il Destino e’ attesa e preghiera, ossia costanza nella Fede e continuo rapporto con Dio. La Bibbia ci educa al valore del Destino che si manifesta in positivita’ nel monento in cui obiettivi umani e consenso divino coincidono. Spesso si e’ dettati dall’entusiasmo del momento, che porta alla volubilita’ e allora di diventa ciechi riguardo alla Luce dell’Onnipotente che appiana e disperde le tenebre. Il Destino e’ quindi insegnamento attraverso l’educazione all’ascolto di se stessi e al contempo all’osservazione di quanto accade fuori e intorno a noi. E’ concentrazione di mente e anima, di ragione e cuore, e’ apertura e contrazione. Allora, quando siamo in accordo in tutte le nostre frangenze, il simbolo diviene sorgente di vita e incarna la vita stessa.

Pochi uomini sono riusciti a piegare la volonta’ di Dio, a fletterla secondo le personali esigenze, perche’ Dio sa ascoltare cio’ che parte dal cuore, fino a riconoscersi  in esso. Preghiera e Piegare (preko e plego) hanno difatti la stessa origine etimologica che si esprime attraverso l’inchino o genuflessione fatti al cospetto di Dio o di un’autorita’ sacra che lo rappresenta. Il termine “piegare” e’ di molto successivo e riconduce all’azione di intrecciare che e’ espressa dalla preghiera capace fi andare oltre il dialogo, la richiesta e il ringraziamento.

Il timore di Dio viene realizzato e cosi’ ad essere superato attraverso la preghiera del cuore che c’innalza al livello di Sapienza o ci riconferma in questo sacro ambito. Il timore verso Dio non nega o contraddice la Sua venerazione. Si teme cio’che ha valore, non necessariamente il nemico, ma cio’ che racchiude il senso della nostra esistenza e colui a cui portiamo rispetto. Si temono il proprio uomo o donna, acquisiti come parte di noi, la piu’sacra che c’invita alla riverenza e al rispetto. Dio diviene sposa o sposo di chi lo ama, come hanno sottolineato Santa Teresa d’Avyla e le altre sante mistiche che si sono innalzate a Dio, al di sopra del livello di coesione con lui comune e umano, divenendo parte integrata del suo Amore.

Chi ama intensamente non puo’che essere con Dio e in Lui, superando così inconsapevolmente la logica dell’ateismo e i confini di ogni filosofia che ci legano agli ambiti piu’ristretti della mente. Il mistico mette in pratica l’azione d’intreccio della preghiera, realizzandosi in opera d’amore indissolubile con Dio.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2