Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Sab, Lug
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

La casa del Cosmo

La casa del Cosmo

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Credere che l'Universo sia tenuto insieme e regolato da una rete di legami connettenti significa implicitamente accettarne l’evoluzione in fieri e quindi, il carattere infinito.

Domenico Baccarini
Domenico Baccarini "Notte amorosa", carboncino, biacca e tempera rossa su carta

 

Nel caso specifico dell’Universo il carattere infinito fa corrispondere alla forma la sostanza, la parola al suo significato e il significato all'immagine. Ciò che è infinito è infinito nel suono poiché il suono contiene in sé significante e significato. In base a questi due elementi noi riusciamo a cogliere il nesso tra il tempo e l’infinito e a trasporlo in immagine.

L’infinito e il finito sono concetti gia’ presenti in noi a prescindere dai loro connotati qualitativi e quantitativi. Li riesumiamo dal sonno della vita crescendo, maturando nelle esperienze e grazie al sentimento dell’empatia. Come ci comunica la parola stessa, empatia significa essere con tutto se stessi dentro colui a cui ci rapportiamo e col quale ci sentiamo in sintonia. L’empatia e’ quindi avere un cuore in tutte le cose e cio’ obbedisce al ritmo del nostro respiro di espansione e di ritorno. In virtu’ di tale ritmo, noi assumiamo la percezione dell’infinito a cui ci rapportiamo e che contribuiamo a espandere col nostro Se’. L’ego invece, tende a contrarlo per il fatto stesso di riportare il molteplice, espressione di un principio primordiale, alla scaglia infima dell'essere degradato nel suo significato originario. L’egoicita’ coglie e mantiene in vita la frammentazione del tutto, l’Essere invece concepisce l’Unita’ nel divenire che e’ sorgente di vita. Se l’ego finisce con la morte, il Se’ va oltre, disperdendosi tra gli echi del Cosmo che e’ la nostra vera casa.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001