Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Mar
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Ascensione e ritmica dell’oblio

Ascensione e ritmica dell’oblio

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L’oblio, comunemente associato alla condizione della dimenticanza, indica uno stadio di momentanea perdita a cui seguirà quello del recupero dell’oggetto dimenticato o solo offuscato.

Bruno Parretti Sekhmet - La signora rossa, tecnica mista
Bruno Parretti Sekhmet - La signora rossa, tecnica mista

 

A differenza dello stato di perdita definitiva che riscontriamo nella dimenticanza, l’oblio e’ il letargo invernale da cui rinveniamo solleticati da un qualcosa che ci riporta in vita l’oggetto ascoso. Dall’oblivium latino, la parola oblio contiene lo scolorimento di un  ricordo fino al buio totale. Col rinvenimento interiore,  da intendersi una vera e propria riesumazione di quel dato prima perso, noi ci sleghiamo dalla contingenza svaporante del tempo per ridiscendere in noi stessi.

La psicanalisi nasce da una grande considerazione mossa nei confronti dell’oblio scatenato dagli stadi di crescita determinati dalla distrazione nei confronti del patrimonio culturale interiore a beneficio dell’assorbimento dell’uomo verso l’esterno. L’oblio narra degli echi dei miti perpetuatisi attraverso l’esperienza di interrelazione tra il dentro e il fuori, rispalancando la porta segreta che conduce alle cantine citate da Jung. Qui dimorano gli archetipi narranti la nostra esistenza infinita che prevalica i confini storici conducendoci all'Assoluto inteso non piu’ solo come sostanza dell’essere individuale, ma come percorso e tessuto di un’intera comunita’. Alla storia comunemente nota si accompagna una narrazione silenziosa quanto fondamentale che da’ voce e definizione al bagaglio emozionale  intuitivo  noto come inconscio collettivo.

L'oblio o condizione di parentesi e apparente morte implica una discesa in se stessi a cui corrisponde pariteticamente  uno slancio verticale nella dinamica dell'esistenza. Lo ritroviamo cadenzato nel volo sciamanico cosi’ come nel percorso ultimo del Gesù storico che, attraverso la morte, risorge alla sua natura cristica primigenia.

L’esperienza dell’oblio e del conseguente risveglio e’ pertanto da intendersi sacra, perche’ radicata nell’uomo e riflessa nelle filosofie escatologico metafisiche, cosi’ come nella spiritualita’ di fede. Siamo tutti uniti nell’Altissimo, ma risvegliandoci ci riappropriamo di cio’ che non e’ piu’ un’idea astratta ma vera sostanza.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001