Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Ven, Apr
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Dall'incubo al sogno nell’Era dell’Acquario

Edward Robert Hughes – La veglia della Valchiria. (1906)

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Al tempo d'oggi non c'è stabilita’. Cascando le frontiere e’ come se un violento tsunami si abbattesse su intere fette di popolazione, travolgendole.

Edward Robert Hughes – La veglia della Valchiria. (1906)
Edward Robert Hughes – La veglia della Valchiria. (1906)

 

L’impressione che si ha fotografando quest’epoca è che ogni forma di principio venga sotterrata da un voluminoso vuoto che vuole l’affermazione di tutto e del contrario di tutto, riconoscendosi nel guru di turno presentato nelle vesti di un’illuminante figura che però presenta retroscena sconvolgenti.

L’Anticristo di cui si fa menzione nell'Apocalisse avrà sembianze di agnello e facendo terra bruciata intorno a sé, cadrà nell'incubo da lui stesso generato, preparando l'avvento di una nuova infanzia di popoli. L'età dell'Acquario avrà quindi la caratteristica di chiudere e aprire un nuovo ciclo, inaugurando la primavera dei tempi. A salvarsi sarà quell'umanità padrona del proprio sogno nel quale si tufferà alimentando la fiamma della vita. Si può essere padroni di un sogno senza personaggi?

Può un sogno alimentarsi della solitudine dell’individuo? E cosa fa di un individuo una persona? Non è forse la dimensione di compartecipazione a un principio comune a far sì che una profusione d’intenti prenda forma e animi il destino di una comunità?

Il destino si delinea col linguaggio dei sogni. Si libera della propria individuale libertà costitutiva per planare tra le griglie dello spazio e del tempo, convogliando le azioni umane. Ciò che ci rende persone è l'abbandono di un viaggio singolo al fine di abbracciare e condividere progetti più grandi, affinché nessuno si senta più solo e spalle al muro con la propria solitudine.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001