Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mer, Lug
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Il silenzio del Sabato

Il silenzio del Sabato

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nutrirsi di speranza oggi è il messaggio del riposo del sabato. La Pasqua, non è una data, una ricorrenza vivificante,  ma una stagione dello spirito.

Il Cristo morto, dipint di Andrea Mantegna, tempera su tela
Il Cristo morto, dipint di Andrea Mantegna, tempera su tela

 

È una primavera che dà corpo e significato al divenire inteso come conservazione della propria interiorità che travalica i cicli oltre il tempo. La Pasqua è; profumo di cielo e di erba coltivata dal silenzio che la precede, un silenzio che abbraccia la vastità interiore e impedisce di pensare. C'è raccoglimento nel vuoto del passaggio,  in cui rinforzare se stessi in vista della luce. Si rimane se stessi certo, ma in vista di un cambiamento radicale che porta l'uomo a elevarsi dai piani della storia per conferire senso alla Storia. Se non ci fosse la Pasqua la vita sarebbe insulsa e senza senso come anche  la morte.  

La Pasqua quindi percorre di un fremito fresco la nascita e di conseguenza anche la morte, entrambe non esperienze conclusive.  Il figlio dell'Uomo stravolge l'ottica della Storia e da comune uomo, nato da ventre di donna,  diviene il tramite di un passaggio esperienziale che attraverso la croce trafigge la storia. La croce è il simbolo che unisce nel dolore e il tramite per il suo superamento. È lo strumento  che slancia oltre la morte  rendendoci divini,  parte della gloria del Cristo.

Dio ci chiama a sé per assorbirci nella sua Luce. Il corpo stanco e libero dagli strazi di Gesù adagiato nel sepolcro si prepara a manifestare il Cristo nella sua pienezza. Il vuoto si fa pieno ed è questo la gioia di Dio.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001