L'arche' dell'artigiano
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

L'arche' dell'artigiano

L'arche' dell'artigiano

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ogni alba è  un nuovo rito che si compie, il rito dell'incominciamento. Tra il momento del tramonto e quello di schiusura dell'alba noi formuliamo noi stessi attraverso il periodico tuffo nei sogni. Il sogno è un ritorno trascinante, continuo che ci fa precipitare nel libero contenuto della verità. È il rito che si compie in assenza della coscienza e per questo lanciatore di messaggi.

Magritte - The vengeance
Magritte - The vengeance

 

Dovremmo somigliare ai sogni che si fanno.

Belli o brutti veicolano messaggi, trasgredendo al moralismo di costume e collegandoci all'etica di un'innata religiosità. Il limbo dei sogni è il consigliere degli artisti che amano costruire tuffandosi nel ritorno. Rito e ritorno si somigliano non solo nel suono, in quanto hanno in comune la reiterazione di un atto nel suo principio e nel suo completamento. L'espletamento di un compito è  parte integrante ed emissione di una civiltà  evoluta e ben ordinata e su questo principio  si basa l'archetipo dell'eroe. Chiunque incominci un qualcosa e lo porti a termine è un eroe in una società che demorde facilmente. Si è  eroi nei sogni prima di ogni incominciamento e nei sogni traspare lucida la visione etica dell'azione. L'Etica è quindi il comandamento interiore dell'eroe ben intrecciato alla trama di rapporti intessuti nella società di sua appartenenza. Eroe è chi mantiene vivo il disegno della sua spiritualità e lo realizza anche manualmente. L'artigiano che crea e creando si ricrea obbedisce al limbo dell'azione frutto di un pensiero interiore ordinato. Dal caos non nasce nulla se non embrioni pronti ad essere spazzati via da una corrente impetuosa. L'artigiano, come spiega l'orgine della parola, è  colui che si avvia con le mani lungo il  percorso della verità, esprimendo la sua immagine interiore e realizzandola. Il tornio degli antichi vasai creava in base alla velocità di rotazione che consentiva di limare e conferire forma circolare all'oggetto. Tornio e ritorno esprimono il rito della circolarità alla base della visione ad anello del tempo mitologico.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001