Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Gio, Ago
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

La poesia di una farfalla. Fuori e dentro il Mito

La poesia di una farfalla. Fuori e dentro il Mito

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La farfalla non sa di essere bella, vola. La Bellezza non è per se stessi ma per chi ha gli occhi sul mondo, e così  la farfalla che ha  bellissimi disegni sulle ali  non può vedersi. Indossa  la firma di Dio.

Monarch butterflies by Yuval Helfman photographer
Monarch butterflies by Yuval Helfman photographer

 

Per nostra natura riusciamo a vedere ciò che non siamo. Gli occhi si stendono all'aperto e osservano il mondo, ma colui che è non ha occhi perché ciò che è è diverso da ciò che si è.

Gli occhi di Dio siamo noi quando scrutiamo in noi stessi e così  facendo  ci allontaniamo dalla  Natura e dalla naturalezza. In quanto tale, il filosofo esce dall'abbraccio della  Natura, si isola per guardare e cercare il filo all'interno della ragione che giustifichi tutto. Il mistico no, egli è  nella Natura che lo esalta e tramite quest'operazione egli salta e vola, dimenticandosi di sé e sposando la bellezza.

L’amore vero è  anch'esso un salto. Un tuffo e un salto in cui si compie la sua pienezza. L'amore è uscire dall'ordinario nella quotidianità e toccare Dio.

Il filosofo e il mistico entrambi escono dall'abbraccio che è  perdersi nella continuita' di un flusso. Il filosofo è  colui che ignora o ha dimenticato lo stato di abbandono  che si prova all'interno della circolarità di un abbraccio a cui si riconduce l'esperienza del Mito. Il filosofo  non usa la poesia ma ne traduce il significato, così fa con le favole. Il mistico che prova saltando l'abbraccio di Dio, è egli stesso emozione e sgomento. Le colonne portanti del Mito e della sua Bellezza  attraverso lui si fanno espressione intraducibile.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001